• Logo In

«Spremute» mentali

Apriamo una nuova rubrica che già dal titolo – “Spremute” mentali – ci dà un’idea di sintesi della sintesi del tema che sarà trattato. L’essenziale, come una spremuta di agrumi, senza tanti giri di parole, capace di spremere la mente per ottenere un fluido di verità.

Si tratta di pensieri brevi da leggere in un paio di minuti. In pratica: il riassunto del riassunto di un ragionamento. Una spremuta cerebrale che va sorseggiata, degustata e assaporata, assaggiandola a piccole porzioni.

Leggi tutto

Dio non c’è in nessun posto! No Dio è nel posto dove lo si lascia entrare

Se esiste l’uomo, esiste Dio

Quando si smette di cercare Dio si spegne l’intelletto. La Bibbia invece ci assicura: “che il Figlio di Dio è venuto e ci ha dato le capacità intellettive necessarie per conoscere colui che è vero” (1 Giovanni 5:20. Inoltre, “Se lo cerchi, egli si lascerà trovare da te” (1 Cronache 28:9).

Il salmista ci fa conoscere che: “In cuor suo lo stolto dice: “Non c’è Geova” […]  Ma Geova guarda dal cielo i figli degli uomini per vedere se c’è qualcuno […] che lo ricerchi” (Salmo 14:1,2). L’affermazione che “Dio non c’è” non è di natura dottrinale. Nel mondo antico l’idea che Dio non esistesse non esisteva.

Leggi tutto

Rinascita per alcuni e non per altri. Perché?

Certi atteggiamenti mentali favoriscono la ripartenza spirituale

Perché alcuni che si sono allontanati dalla congregazione dopo un po’ ritornano e altri invece rimangono bloccati per molti anni? È una questione di attitudine?

Per rinascere spiritualmente devi riconoscere quali sono gli atteggiamenti positivi per ritornare a Dio. Vediamone alcuni.

Leggi tutto

La timidezza è la grande forza dei deboli

Le persone chiuse, silenziose e implacabili, impiegano più tempo e più fatica degli altri ma centrano sempre l’obiettivo

Titolo e sottotitolo sono di Libero del 6 agosto 2020, mentre l’articolo è a firma del direttore Vittorio Feltri, che con la sua originalità e solita ironia scrive pregi e difetti delle persone timide. (Vedi articolo in basso)

Si calcola che al presente circa metà della popolazione manifesta timidezza quando si relaziona con altri individui. Paradossalmente, la tecnologia ci consente da una parte di evitare conversazioni imbarazzanti vis-à-vis e dall’altra fa diventare più timidi.

Leggi tutto

Il virus che rende folli

«Questa pandemia ha travolto anche la nostra testa, portandoci a una specie di follia collettiva in cui si sono perse priorità, chiarezza di sguardo, obiettivi e capacità di giudizio».

Così scrive Bernard-Henri Lévy, filosofo e saggista francese, nel suo ultimo libro Il virus che rende folli (La nave di Teseo, collana le Onde, prima edizione digitale luglio 2020). La pandemia ha colpito i nostri cervelli e abbiamo abdicato la nostra libertà a una dittatura sanitaria che ha stravolto le nostre vite e le nostre abitudini.

Leggi tutto

Gli alberi che riconoscono i propri “figli” e li nutrono

Una connessione vegetale simile a Internet

Gli alberi riconoscono come figli le piante nate dai loro semi e li nutrono attraverso una rete di radici sotterranei dove veicolano segnali chimici e sostanze nutritizie.

I ricercatori della University of British Columbia (Canada) hanno scoperto che le “madri albero” nutrono e favoriscono la crescita di quelli che riconoscono come prole. Una scoperta affascinante che dimostra la sapienza insita nella creazione. Gli alberi lottano, non solo per sopravvivere ai disastri umani, ma cooperano e condividono risorse vitali usando reti sotterranee di funghi.

Leggi tutto

Empatia che logora

È un disturbo che colpisce chi si fa carico delle sofferenze altrui

Colpisce quegli anziani di congregazione che per indole sono portati ad assorbire gli stati d’animo dei fratelli fino a farli propri.

Un ex anziano, molto impegnato a suo tempo, ci ha raccontato come è diventato inattivo a causa della “fatica da compassione”.

Leggi tutto

C’è qualcuno a cui sto veramente a cuore?

Sì, ed è una mano amorevole

È una mano che si prende il tempo per capirti, che riconosce il tuo dolore e comprende la sofferenza. Trova il tempo per starti vicino e condivide le tue emozioni, ti sostiene, ti tratta con dolcezza, ti offre aiuto e dimostra con le sue azioni che non sei sola. QUESTA SEI TU!

Leggi tutto

Siate semplici e brevi

Semplicità e brevità sono sorelle che vanno sempre d’accordo

Cari anziani non stordite il fratello lontano con visite pastorali complicate e noiose da far venire il mal di testa.  

Leggi tutto

MALPRACTICE

La condotta negligente del medico

Malpractice è un termine che in italiano indica malasanità, ovvero l’accusa di imperizia del medico o la disorganizzazione dell’ospedale pagata a caro prezzo da chi si affida alle loro cure.

Se il paziente subisce un danno o se la cura non sortisce l’effetto sperato, l’ospedale e il medico possono essere chiamati a rispondere dell’accusa di malasanità.

Leggi tutto

Non perderti d’animo

“E voi siate coraggiosi e non vi caschino le mani, perché c’è una ricompensa per la vostra attività” (2 Cronache 15:7)

La scrittura sopracitata, non dice che ci sarà una ricompensa per la vostra inattività, ma per la vostra attività. Ciò è possibile mostrando coraggio e se è necessario farsi aiutare, come accadde a Mosè (Esodo 17:8-13).

“Cascano le mani” significa che una persona è scoraggiata, demoralizzata o senza speranza. Ti sei allontanato dal popolo di Geova perché una situazione ti ha stressato troppo al punto che ti sono cascate le mani? Cosa puoi fare per riacquistare la forza necessaria per tornare a casa?

Leggi tutto

«Non avrai paura della freccia che vola di giorno» (Salmo 91:5)

La difficoltà di uscire dalla depressione.

Non avrai paura dei terrori della notte, né della freccia che vola di giorno, né del flagello che si diffonde nell’oscurità, né della distruzione che devasta a mezzogiorno. (Salmo 91:5,6)

Leggi tutto

Più sei intelligente più soffri?

Le sofferenze non guardano in faccia nessuno, «TUTTA la creazione geme ed è in pena fino ad ora» (Romani 8:22)

Inoltre, non c’è nessuna garanzia che individui dal QI elevato producano persone migliori e una società migliore. Spesso sono le persone dotate di un’intelligenza fuori dal comune a causare guerre e sofferenze.

In passato qualcuno che voleva selezionare una razza super intelligente, morì in un bunker nazista alla fine della seconda guerra mondiale.

Leggi tutto

Hai lasciato che le tue capacità ti conducessero all’inattività

Non ne hai fatto buon uso

Le capacità quando non sono accompagnate da sapienza, modestia e umiltà, possono trasformarsi in difetti. Ad esempio uno che ama il suo lavoro potrebbe diventare un maniaco del lavoro.

Una persona prudente verrà difficilmente ingannata, ma troppa prudenza potrebbe non fargli prendere mai una decisione. Anche l’efficienza è una buona qualità, ma se portata agli estremi, al punto da trascurare il fattore umano, potrebbe creare un ambiente freddo e rigido in cui le persone sono infelici.

Leggi tutto

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA