ABREAZIONE

Dizionario di Medicina Treccani

L’abreazione porta alla luce quei fatti traumatici che covano al di sotto della coscienza con lo scopo di neutralizzarli. Certe emozioni (dal pianto fino alla vendetta) legate a ricordi dolorosi se non trovano una via di sfogo, possono manifestarsi in sintomi patologici. In sintesi, l’abreazione è una presa di coscienza.

Rendersi conto di un fatto traumatico avvenuto in passato e nascosto nel nostro inconscio, che in maniera intrusiva e persistente ritorna sotto forma di immagini, pensieri o percezioni, è un primo passo per controllare i pensieri e le convinzioni negative.

In questo modo si possono identificare gli errori logici contenuti nelle convinzioni e in seguito trovare le alternative di pensiero e di comportamento più funzionali e vantaggiose per guarire dall’evento traumatico vissuto.

Basta essere stati vittime di qualche evento traumatico per vivere con un senso di orrore la propria vita

Qualsiasi sia l’evento traumatico, conscio o inconscio, in congregazione, in famiglia o altrove, di cui sei stato vittima, ecco alcuni suggerimenti che ti possono essere utili:

  • Non isolarti da quei fratelli e sorelle amorevoli e incoraggianti.
  • Un efficace sostegno emotivo lo trovi nella lettura dei Salmi che descrivono bene certi stati d’animo.
  • Rispecchiati nelle preghiere dei salmisti o in quelle che hai sentito da fratelli che soffrivano.
  • Cerca nel posto giusto. A volte alcune cose o persone sembrano procurarti sollievo, invece peggiorano la situazione.
  • Non cercare in posti, che in un modo o nell’altro, evidenziano aspetti negativi di Dio e del suo popolo. Non adottare i loro ragionamenti autolesionistici.
  • Ricordati che le ferite fisiche di solito sono le prime a guarire, ma alcuni che soffrono di questi traumi possono essere feriti in molti modi nel corpo, nella mente e nello spirito. Sii onesto con te stesso e se hai bisogno di aiuto rivolgiti a persone capaci, tipo uno specialista competente. Alcuni possono darti consigli sbagliati che potrebbero compromettere ulteriormente la tua salute.
  • Prima di rivolgerti altrove, dove sai che nessuno può sostituirsi a Geova, vai direttamente da Colui che nella sua Parola è chiamato il Padre delle tenere misericordie e l’Iddio di ogni conforto che ci conforta in tutta la nostra tribolazione. (2 Corinti 1:3,4).
  • Non rivolgersi a Geova è l’errore più comune di alcuni fratelli lontani. Non sottovalutare questo aspetto.

Le cicatrici psicologiche dei traumi subiti (forse anche in congregazione da uomini di cui ti fidavi) possono sembrare permanenti, ma se speri in Dio e nelle sue promesse sai bene che un giorno non ci turberanno più in alcun modo (Isaia 65:17). Non farti vincere dal male, non covare vendetta, non serve a nulla serbare rancore se non di rendere ancora più pesante il fardello che ti stai trascinando da tempo (Romani 12:17-21).

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA