Al servizio di una fede che pensa

Il mondo universitario è ricco di sorprese, di novità, di idee creative, un mondo dalle mille opportunità. Da qui nascono i futuri governanti, i leader finanziari e le personalità che in un modo o nell’altro influenzeranno la realtà mondiale. Il pensiero ufficiale dei tdG riguardo all’università e al suo ambiente non è positivo. Di certo i giovani tdG non sono incoraggiati dai loro organi ufficiali a frequentare gli studi universitari. Per chi non lo sapesse, in Italia esistono 18 gruppi biblici universitari di fede evangelica che hanno lo scopo di condividere Gesù da studente a studente.

Nel loro sito gbu.it viene detto che il GBU esiste perché ogni studente universitario in Italia abbia la possibilità di ascoltare la buona notizia della salvezza per grazia e rispondere a essa riponendo la propria fede in Gesù. I Gruppi Biblici Universitari sono un movimento universitario che dal 1950 raggruppa studenti e organizza eventi intorno alla Bibbia negli atenei italiani. GBU è il braccio italiano di un movimento studentesco internazionale chiamato IFES (International Fellowship of Evangelical Students), presente in più di 150 nazioni in tutto il mondo.

“Negli 11 anni di collaborazione con il GBU – racconta Giovanni Donato, membro dello staff GBU di Siena – mi sono tante volte chiesto come mai facessi ciò che stavo facendo e se ne valesse veramente la pena…In altre parole, ha senso affaticarsi nella proclamazione del vangelo all’università?” Donato fa questa riflessione che riportiamo testualmente:

  1. Lì dove il sapere si erge contro Dio, è necessario che il vangelo venga predicato

L’apostolo Paolo ci dice che la conoscenza gonfia (1 Corinzi 8:1), ed è vero! Lo vediamo in modo palese anche nelle università. Sempre più, nella mente di tante persone, soprattutto quelle che vantano maggiore istruzione, sembra esistere una chiara distinzione tra ciò che è razionale, appurabile, empiricamente dimostrabile e tutto ciò che riguarda la fede, Dio, la religione. In un contesto in cui l’orgoglio umano si erge contro il proprio Creatore, dobbiamo essere presenti per proclamare con umiltà e sicurezza il messaggio di Gesù di Nazareth, per la salvezza di quanti vorranno seguirlo.

  1. All’università possiamo raggiungere persone provenienti da ogni angolo del pianeta

In questi anni con il GBU ho avuto l’opportunità di fare amicizia e condividere il vangelo con studenti provenienti dai paesi più disparati. Solo per citarne alcuni: Cina, Azerbaijan, Libia, Iran, India, Oman, Gabon. Il Signore Gesù ci ha comandato di annunciare il suo vangelo tra tutti i popoli e quando raggiungiamo gli studenti universitari abbiamo la grande opportunità di toccare tantissime nazioni che, probabilmente, non avremmo neanche la possibilità di visitare fisicamente durante la nostra vita.

  1. I leader di domani, oggi si trovano all’università

I politici, i giudici, i medici, gli architetti, gli ingegneri, ecc. che domani guideranno la nostra nazione, oggi si stanno formando tra i banchi delle diverse facoltà universitarie. Raggiungere l’università con il vangelo significa raggiungere coloro che, tra pochi anni, saranno alla guida della nostra società. Capiamo perciò quanto possa essere strategico essere presenti e proclamare la salvezza di Gesù nelle università! Se la Chiesa di Cristo desidera influenzare la società, non possiamo mancare di vedere la grande opportunità di raggiungere con il vangelo i futuri leader.

Che tu sia uno studente, un leader di chiesa, qualcuno che sostiene finanziariamente l’opera del GBU, o semplicemente qualcuno che dedica del tempo alla preghiera, ti voglio incoraggiare a credere in questo importante ministero e continuare a sostenerlo nei modi in cui il Signore ti darà di farlo.

&&&&&&&&&&&&

I GBU operano fra gli studenti avendo come scopo: la diffusione dello studio della Bibbia mediante la formazione di gruppi locali, costituiti in prevalenza da studenti, orientati alla ricerca di una risposta cristiana ai problemi dell’uomo e della società; il rafforzamento della vita spirituale degli studenti mediante la preghiera comune e lo studio della Parola di Dio; la ricerca per ognuno del giusto posto nella chiesa e nella società.

Le attività consistono principalmente in riunioni di studio biblico, in conferenze e conversazioni sulla vita cristiana. Oltre al GBU esiste anche una casa editrice la GBU Edizioni.

Sarebbe un’ottima idea quella di dare testimonianza nelle università con degli espositori che contengano pubblicazioni con materiale di studio di livello superiore. Intanto, cosa facciamo a livello universitario per predicare la buona notizia? Basta dare un’occhiata a questa illustrazione pubblicata nella Torre di Guardia di giugno 2014, dove si considera l’università un ostacolo che ingombra la strada alla crescita spirituale.

Gli altri sono al servizio di una fede che pensa, noi pensiamo la fede in modo diverso dagli universitari che pensano. Accettereste la sfida di presentarvi davanti alle università e far conoscere cosa si pensa di loro? Cari fratelli del Corpo Direttivo, avete il coraggio di provarci con delle iniziative mirate?

Vogliamo ricordare che in passato, quando fu data più autonomia ai fratelli locali, di gestire presso le università italiane, gli incontri sulla persecuzione nazista dei testimoni di Geova, si ottennero risultati eccellenti. Per citare solo l’esempio di Milano, furono organizzati all’interno delle aule principali dei congressi dell’Università Statale e della Bocconi, due convegni-mostra, con la partecipazione di docenti universitari e personalità accademiche e con il patrocinio del Comune di Milano, della Provincia e della Regione Lombardia e di Istituti Storici importanti.

Alla Bocconi furono presenti la sera del convegno più di 500 persone. Nei due incontri è stato letto un telegramma di saluto da parte del Presidente della Repubblica. Inoltre, il Ministero dell’Università, dell’Istruzione e della Ricerca, tramite l’Ufficio Scolastico della Regione Lombardia, a motivo del “carattere formativo” del documentario Saldi, concesse il permesso di proiettarlo in qualsiasi scuola lombarda, licei inclusi, con relativa partecipazione degli insegnanti e delle scolaresche.

Altre università italiane dove si tennero convegni sulla persecuzione nazista dei testimoni di Geova: Vedi il sito Triangolo Viola Eventi/Incontri

________

Sulla cultura:

Cretini che odiano la cultura

 

 

 

 

I libri di Paolo

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA