Archivio Autore

Come nuvole di passaggio

    Un nuovo tipo di nuvole: le asperitas

Dio si nasconde dietro una nuvola. – Esodo 19:9.

 «Cosa sarebbe Dio senza una nuvola che lo cela?» si chiede Rainer Maria Rilke. Le “nuvole”, nella Bibbia, oltre a indicare la presenza invisibile di Dio, indicano qualcosa di buono per coloro che hanno il suo favore. (Proverbi 16:15) Salomone disse : “Chi guarda le nuvole non mieterà”, riferendosi all’esitazione e all’indecisione di quelli che non portano frutto. (Ecclesiaste 11:4) Le leggere nubi del mattino che presto scompaiono sono usate metaforicamente per indicare l’incostante benignità umana e la brevità della vita. (Osea 6:4) Anche colui che si vanta della sua generosità, ma non dà mai, delude come una nuvola senza pioggia. (Pr 25:14)

Leggi Tutto Nessun Commento

Contatti sospesi e contatti che guariscono

Quando un testimone di Geova viene disassociato i contatti con lui cessano. Eppure, il vangelo di Marco racconta il contrario.

Ora c’era una donna che da 12 anni aveva una perdita di sangue. Aveva sofferto tanto sottoponendosi alle cure di molti medici e aveva speso tutto ciò che aveva, ma anziché stare meglio era peggiorata. Avendo sentito parlare di Gesù, gli si avvicinò da dietro tra la folla e gli toccò il mantello; diceva infatti: “Se riesco anche solo a toccare le sue vesti guarirò”. In quell’istante la sua perdita di sangue si fermò, e sentì nel suo corpo che era stata guarita da quella dolorosa malattia. Immediatamente Gesù percepì che della potenza era uscita da lui; allora si voltò in mezzo alla folla e chiese: “Chi mi ha toccato le vesti?” I suoi discepoli gli dissero: “Con questa folla accalcata intorno a te chiedi: ‘Chi mi ha toccato?’” Ma lui si guardava intorno per vedere chi era stato. La donna, spaventata e tremante, sapendo che cosa le era successo, si fece avanti e si gettò ai suoi piedi dicendogli tutta la verità. Lui le disse: “Figlia, la tua fede ti ha sanato. Va’ in pace, guarita dalla tua dolorosa malattia”. (Marco 5:25-34)

Leggi Tutto Nessun Commento

Non ha senso continuare a farsi male

Se non sei costretto a stare male, perché lo permetti?

Ti trovi in bilico tra lasciare la congregazione o cambiare completamente il tuo futuro e sei indeciso cosa fare? Se devi ristabilirti è il momento di prenderti cura e ritrovare il giusto equilibrio. Devi cambiare modo di pensare e trovare un nuovo stile di vita. Non serve prendersela col mondo intero sparlando a destra e manca cercando di riscuotere consensi altrui, spesso frutto di ipocrisie e falsità. Smetti di crederti superiore agli altri. Lavora sulle tue reali qualità e non su quelle immaginarie. Pensare di essere speciali è autolesionistico tanto quanto credere di essere nessuno.

Leggi Tutto Nessun Commento

Il coraggio di dire le cose con franchezza

La franchezza è lealtà e schiettezza nel parlare e nell’operare. Si manifesta con una evidente sicurezza nell’affrontare persone o situazioni. Gesù è un esempio di franchezza. Egli parlava a chiunque senza giri di parole. Il contrario di franchezza è ambiguità, doppiezza, falsità, ipocrisia, simulazione. Ma anche paura. Quella paura che rende inerti, rinunciatari e incapaci di qualsiasi iniziativa.

Chi è franco non si sottrae alle responsabilità di rinnovamento dettato dalle esigenze bibliche, né alla trasparenza e alla lealtà nei rapporti fraterni. Il parlare di chi dice e non dice proviene spesso da un animo ondeggiante, ma anche dalla paura di essere giudicato. La franchezza è uno dei comportamenti a cui ogni cristiano è chiamato ad assumere. Non sempre il facile consenso è segno di unità e neppure l’unanimità, purché essa non passi attraverso il confronto schietto e libero.

Leggi Tutto 3 Commenti

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA