Cambiare opinione è sbagliato?

«Coloro che non cambiano mai le proprie opinioni si amano più di quanto amano la verità». (Joseph Joubert)

Ottusi? Fanatici? Ignoranti? Sarebbe un errore liquidare così coloro che la pensano diversamente. A nessuno piace mettere in discussione le proprie opinioni, perché esse sono parte del nostro essere: rinnegarle è come ripudiare noi stessi. Inoltre, al cervello non piace avere torto, neanche quando i fatti ci danno torto. Ogni giorno siamo a contatto con persone che hanno opinioni diverse dalle nostre. Il primo istinto è quello di provare a cambiare la loro idea. Spesso è impossibile. Però, possiamo in qualche modo modificarle o perlomeno contribuire ad allargare il loro punto di vista.

Cambiare idea è una possibilità. Bisogna mostrarsi disposti a cambiare opinione quando la situazione lo permette. Gesù, in una circostanza, concesse delle attenuanti e cambiò idea. (Matt. 15:21-28) Cambiare idea è a volte necessario, come ad esempio poteva essere nel caso di Caino. (Gen. 4:2-8). Potremmo trovarci in situazioni in cui è necessario non solo cambiare idea ma anche comportamento.

Si dice che soltanto i cretini non cambino mai opinione. E la vita deve avere un debole per i tanti cretini potenziali. Il problema non è cambiare opinione, ma cambiarla in malafede; cambiarla in ossequio a un pregiudizio. Sbagliare opinione fa parte della natura umana. A volte sbagliare può essere utile. Ci fa scoprire nuovi punti di vista, nuovi elementi della realtà che non avevamo considerato prima. La difficoltà nell’accettare una nuova idea è spesso dovuta a quella di separarsi dalle vecchie idee. Ci sono idee che si sono attaccate al nostro cervello come zecche che succhiano ogni nostra energia creativa e impediscono la ricerca di idee nuove. Facciamo più fatica a staccarci dalle vecchie opinioni che accettare quelle nuove. Nelle scelte religiose non siamo mai razionali a prescindere.

Le idee non sono mai statiche. E’ nella loro natura essere dinamiche e in movimento, quindi soggette a trasformarsi. Le idee fisse o le fissazioni impediscono alla ragione di ragionare. Ostinarsi è un vizio come lo è insistere nell’errore. Quando sinceramente ci rendiamo conto che la nostra veduta è insostenibile, è saggio dare ascolto a chi ci corregge. La vera tenacia riserviamola quando è necessario sostenere una scelta scritturale, coerente, anche se scomoda. E’ un segno di grande nobiltà la sincerità, la duttilità e la confessione dell’errore.

Se vuoi puoi cambiare idea e ritornare a Geova

Se i pastori delle congregazioni vogliono aiutare un lontano ad avvicinarsi a Geova devono evitare le conversazioni lunghe e usare parole appropriate. Ritornare a Geova è scritturale e gli anziani lo devono dimostrare con l’uso della Bibbia. Un’opinione condivisa da molti può far riflettere. Quando parlate con un inattivo non criticate, non condannate e non lamentatevi. Apprezzate onestamente. Fatelo con un sorriso. Non parlate sempre voi, incoraggiate gli altri a parlare di se stessi. Quando parlate accertatevi che ciò che dite interessi all’altro. Fateli sentire importanti e apprezzati da Geova e fatelo sempre con sincerità e naturalezza.

Pur se importante, non è il vostro approccio o i vostri ragionamenti che faranno cambiare idea. Se uno non vuole non c’è ragionamento che tenga. Un tdG se decide di tornare a Geova è perché lui lo ha deciso e non voi. Pochi inattivi cambiano idea dopo avervi ascoltato. A volte rimangono infastiditi da ciò che dite. Se cambiano è perché sono già d’accordo ancor prima che voi parlaste. Anzi, in casi come questi state attenti a quello che dite, perché un atteggiamento già disposto e favorevole potrebbe essere stravolto dalle sciocchezze che potreste dire.

______________________________________________________________________________________________________________

QUANTI VOLTAGABBANA PUR DI NON RINUNCIARE AI PRIVILEGI

Il voltagabbana è colui che salta sul carro del vincitore per tornaconto o per interessi personali. Questo termine  ha sempre una connotazione negativa poiché è riferito a chi cambia con leggerezza opinione. Sono onde del mare spinte qua e là dal vento dell’opportunismo. (Giacomo 1:6) Il voltagabbana non ha a cuore i fratelli inattivi.

 

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Commenti (1)

  • Victor

    |

    Si può anche cambiare idea e smettere di essere TdG ;o)

    “Sbagliare opinione fa parte della natura umana. … Ci sono idee che si sono attaccate al nostro cervello come zecche che succhiano ogni nostra energia creativa e impediscono la ricerca di idee nuove. Facciamo più fatica a staccarci dalle vecchie opinioni che accettare quelle nuove. Nelle scelte religiose non siamo mai razionali a prescindere.”

    Reply

Lascia un commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA