La sacra sindrome

Ovvero, credersi un personaggio ispirato da Dio

A Gerusalemme Dio è malato, il cielo è malato, la luce è malata, il tempo è malato, la vita è malata. La ragione anche. Gerusalemme attrae non solo migliaia di turisti, ma anche decine di squilibrati e infervorati che credono di essere personaggi della Bibbia. Per i cristiani spesso la crisi mistica si verifica nei luoghi collegati con le vicende di Gesù, come la Tomba del Giardino o la Via Dolorosa. Gli ebrei si identificano con Mosè, il re Davide o altri personaggi del Vecchio Testamento e il delirio avviene sul Monte degli Ulivi o vicino al Muro Occidentale. Molte di queste persone si rivolgono alla Città Santa in tempi di grande stress e incertezza nella loro vita. Essi provano un misto di tumulto interiore, combinato con l’aura che la città emana da secoli di storia, con gli odori degli incensi, il rumore della folla, i suoni e le voci salmodianti delle preghiere, fattori che chi dispone di un immaginario della Gerusalemme celeste finisce per essere devastante.

Leggi Tutto Nessun Commento

Perdere chi si ama

Perdere un familiare nella parabola del padre compassionevole e ritrovarlo. Una narrazione drammatica di quello che succede a chi ama seriamente.

L’amore non imprigiona, anzi dà la libertà a chi è amato di rifiutare l’amore che gli viene dato, di allontanarsi da esso e di spezzare quell’unione che lo lega agli affetti familiari. L’amore è sempre volontario, libero e per questo soggetto a cambiamenti. L’amore, per certi versi fa paura perché si diventa vulnerabili. Le storie d’amore non si sa mai come vanno a finire, nemmeno quella di Gesù, che l’evangelista racconta in Luca 15:11-32. Un finale mai chiuso, che non descrive come andrà a finire.

Leggi Tutto Nessun Commento

È meglio evidenziare le crepe della vita anziché nasconderle

Nel quindicesimo secolo si sviluppò in Giappone una tecnica che riparava un oggetto rotto con l’oro, chiamata l’arte del kintsugi. La riparazione è un processo lungo che richiede precisione estrema e si svolge in numerose fasi. Riparato con cura, l’oggetto diventa più forte, più bello e più prezioso di prima. Il suo simbolismo ci parla di guarigione personale e resistenza alle prove.

Leggi Tutto Nessun Commento

Secondo l’Istat, il 70 per cento degli italiani è analfabeta

Sanno discutere, leggere, guardare la TV, ascoltare, MA NON CAPISCONO. Sono incapaci di ricostruire ciò che hanno ascoltato, letto, o guardato in tv e sul computer. Colgono barlumi, lampi di parole privi di significati e di logica e molto spesso neanche se ne accorgono.

È sconcertante, e si fa fatica ad accettare questi dati. Siamo capaci di fare a malapena un’analisi elementare degli eventi e abbiamo una capacità di afferrare e valutare appena basilare. I dati Istat si riferiscono agli “analfabeti funzionali”, gli italiani che si trovano sotto il livello minimo di comprensione nella lettura e nell’ascolto di un testo di media difficoltà. Molti attribuiscono la colpa alle tecnologie elettroniche che stanno modificando un po’ dovunque il livello di comprensione. Altri, invece, l’attribuiscono alle élite culturali, decenni fa avevano gli strumenti per capire e per prevedere gli scenari futuri e non lo hanno fatto o lo hanno fatto male. Nel frattempo si è tolta linfa vitale alle scuole, agli istituti culturali, agli enti teatrali e lirici, alle orchestre.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA