La speranza è una fiamma sempre accesa

Riflessi filocalici

fiamma-speranza

La fiamma dritta vola verso il cielo, inclinata sale in alto, rovesciata si rialza.  La fiamma della speranza conosce una sola via: il cielo.

Dobbiamo imparare a vedere con occhi nuovi la realtà che ci è stata insegnata a credere, non con lenti rosa com’è stato fatto fino a oggi, né con lenti affumicate per vedere tutto grigio intorno a noi. Dobbiamo uscire dalla concezione paradisiaca di cui ci siamo imbevuti e inebriati nel corso degli anni. La realtà è ben diversa da come ce l’hanno fatta immaginare. Dobbiamo guardare la realtà con il telescopio e guardarci dentro fino a vedere lontano, la luce che splende nell’universo della fede.

La vita reale va vissuta senza frenesia, che è la madre di tutte le ansie e di ogni frustrazione. La frenesia è la padrona assoluta del tempo e rende schiavi chi ne soffre. Inoltre, la vita va vissuta senza quelle paure che tolgono sicurezza e rendono inutili. Non si può andare in crisi per timore dei giudizi altrui, per paura di essere se stessi, di non poter esprimere liberamente ciò che pensiamo o siamo. Bisogna lottare avendo chiaro in mente quello che vogliamo raggiungere, anche quando dobbiamo lottare contro forze amiche, come fece Giacobbe con un angelo per una notte intera. Penuel, il luogo di tale lotta, vuol dire “a faccia a faccia con Dio”. Senza lotta non c’è speranza, anche contro il fuoco amico.

Leggi Tutto Nessun Commento

La ginestra

panoramavesuvioVeduta di Napoli e Vesuvio dal parco Vergiliano a Piedigrotta

di Giacomo Leopardi

Questa mattina Napoli è coperta da un cielo plumbeo. Sto salendo un vialetto del Parco Vergiliano a Piedigrotta, dove si trovano le tombe di Virgilio e Leopardi, facilmente raggiungibili dalla stazione di Mergellina. Sono l’unico visitatore e ho l’impressione che questo luogo sia lontano dai radar del turismo partenopeo. Sembra un posto dimenticato. Il vialetto è ricco di varie specie di piante e alberi. Improvvisamente ci si trova davanti al tumulo del poeta recanatese. Lo guardo con ammirazione e rimango lì un bel po’ a meditare sul pensiero leopardiano. Da qui si gode un bellissimo panorama. Il Vesuvio è ricoperto dal grigio della foschia. Una scritta attira la mia attenzione. Situata ai piedi di una ginestra, la targa ricorda una famosa lirica di Leopardi che scrisse a Torre del Greco, da dove il Vesuvio

Leggi Tutto Nessun Commento

Proiettati verso il futuro ci siamo dimenticati il passato

damascenoOggi l’uomo guarda più al futuro e meno al suo passato, alle sue origini cristiane. Si deve ritornare all’uomo di carta e inchiostro scritto nella Bibbia con lo stilo di Dio.

E’ considerato poco originale, lungo, noioso e ripetitivo. Appartiene al gruppo di scrittori pressoché sconosciuti e non si è ritagliato nemmeno un pezzettino di storia. Tracce biografiche di lui non ce ne sono. Alcuni tratti della sua personalità emergono soltanto dai suoi scritti. La sua personalità si può paragonare a: “un fiume lungo e largo che scorre tranquillamente. Per scoprirne la bellezza occorre sedersi, sostare del tempo sulla sua riva, abbandonandosi al quasi assente, ma così rilassante suono del suo scorrere. Su questo fiume passano i giorni e le notti che lo sfiorano con la luce e con le tenebre. Nella sua superficie si specchia il cielo. Bisogna lasciarsi incantare dalla bellezza di questo fiume e così si scoprono le sue profondità, le sue meraviglie, i suoi drammi. Come tale fiume è Pietro Damasceno: bello, tranquillo, saggio. Se a qualcuno piace questo stile, perché sente che soddisfa i propri bisogni o perché è conforme al proprio carattere, si sieda e legga”. (Maciej Bielawski in Sguardo contemplativo, Saggio su Pietro Damasceno, autore filocalico).

Leggi Tutto Nessun Commento

«Guai al pastore stolto che abbandona il gregge»

pastorechedorme

Che cosa aspettano a cacciare dalle congregazioni questi “pastori stolti”? Zaccaria 11:17 (BJ)

Un giorno Dio ordinò al suo profeta di rappresentarlo come pastore di quelle pecore destinate al macello che i compratori sgozzavano senza ritenersi colpevoli e che i venditori vendevano e si arricchivano convinti di avere la benedizione divina.

Il profeta pastore si mise a pascolare le pecore per conto dei mercanti. Dopo poco tempo decise di licenziarsi. Ottenne dai mercanti il salario di trenta denari d’argento, una cifra irrisoria e dileggiante, che fece arrabbiare non poco Dio. Dopodiché il pastore prese due bastoni, cui aveva dato i nomi di Piacevolezza e Unione e li spezzò. Poi cominciò a mimare la stoltezza di un pastore malvagio che Dio avrebbe suscitato nel suo popolo. Una spada avrebbe colpito prima il braccio del pastore stolto e poi lo avrebbe accecato in un occhio.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA