Il «Santo» bandito

Tra gli entusiasti c’è addirittura un presidente degli Stati Uniti che incoraggia quelle persone religiose, che come lui considerano la condotta più importante dei dogmi, a leggerlo con passione. Tra gli oppositori, invece, il potente Sant’Uffizio, strumento curiale per la tutela della dottrina della Chiesa Cattolica, che lo mette all’indice, ne proibisce la lettura e la divulgazione, pena la scomunica dell’autore. Nonostante il grande successo editoriale, lo scrittore, un cattolico osservante, dopo un lungo travaglio spirituale, fece atto di pubblica sottomissione alla Chiesa. Il «Santo» fece scalpore perché esprimeva il desiderio di molti cattolici di vedere la Chiesa e la cultura cattolica radicalmente riformati secondo lo spirito dei tempi.

Il romanzo narra la mistica di Piero Maironi, che si allontana dal mondo per seguire la sua vocazione, facendosi monaco benedettino. Egli comincia a divulgare dal suo eremo idee di profonda rigenerazione della Chiesa, che presto troveranno una certa diffusione. Il «Santo» sarà bandito dall’antimodernista papa Pio X.

Leggi Tutto Nessun Commento

Fratelli minori

Nell’ immaginario collettivo dei testimoni di Geova, l’aggettivo “minore” squalifica il sostantivo “fratello” perché dà al vincolo della fratellanza un’etichetta negativa. Nonostante ciò, gli inattivi, nella vita teocratica, vengono visti come dei fratelli “minori”, a volte dei “minorati”.

 Chiamarsi “fratelli” e “sorelle” è una caratteristica tipica dei tdG. Nessuno si sogna di chiamare l’altro “fratello minore” o “fratello maggiore”. Tutti sono uguali, nessuno maggiore, nessuno minore. Come disse Gesù: “Chi agisce da capo sia come uno che serve”. (Luca 22:26) Anzi, a voler essere ancora più espliciti, la Bibbia dice di “considerare gli altri superiori” a noi (Flp 2:3). Non tutti i tdG la pensano così. Per alcuni di questi, il concetto di “minorità” è applicabile agli inattivi, cioè a quei fratelli lontani che non predicano più la Buona Notizia del Regno.

Leggi Tutto Nessun Commento

Il seme del Regno che cade nel terreno “non eccellente” è irrecuperabile?

“Ecco, un seminatore uscì per seminare. Mentre seminava, alcuni semi caddero lungo la strada, e vennero gli uccelli e li mangiarono. Altri caddero in un luogo roccioso dove non c’era molto terreno e subito germogliarono perché il terreno non era profondo. Ma quando il sole si alzò bruciò i germogli e, siccome non avevano radici, si seccarono. Altri semi caddero fra le spine, e le spine crebbero e li soffocarono. Altri ancora caddero sul terreno eccellente e iniziarono a dare frutto, questo 100, quello 60, l’altro 30 volte tanto”. – Matteo 13:3-8.

Se il seme non cade nel terreno giusto, vuol dire che non c’è speranza per tutti gli altri? Poniamo questa domanda a beneficio di coloro che si sono allontanati e si sono convinti che non esiste speranza per un ritorno a Dio.

Leggi Tutto Nessun Commento

Trasformarsi

La trasformazione in meglio o in peggio è un processo che fa parte della natura umana.

 L’esempio del bruco che diventa una bellissima farfalla, non più vincolata alla terra, ma capace di librarsi nell’aria, divenendo una vera signora dei cieli è calzante per descrivere la trasformazione umana, anche se nel caso dell’uomo il processo è più complicato. Come si sviluppa questa trasformazione? Perché di solito avviene dopo la mezza età? Come tdG, perché siamo interessati ai processi di trasformazione personale?

Ogni trasformazione comporta un’esperienza quasi soprannaturale. Si muore e si rinasce interiormente. In genere, il concetto di trasformazione porta le persone a diventare, in modo più profondo e completo, chi veramente sono e chi potenzialmente sono sempre state. Cambiare nel nuovo può portare paradossalmente all’antico. Chi subisce questo processo si rivela per quello che è. Non fa altro che realizzare se stesso, i suoi desideri, la visione, l’immagine che ha di sé al massimo grado possibile.

I cambiamenti più interessanti e spiritualmente più significativi avvengono nell’età adulta, perlopiù dopo i quarant’anni. In questa fase molte cose cambiano e spesso si vive un quadro della vita tutto diverso da quello immaginato. La larva che diventa farfalla è sempre la stessa creatura, solo apparentemente diversa. Il nuovo stadio che la porta a diventare farfalla era sempre latente negli altri stadi precedenti. La forma cambia, ma non diventa un essere differente.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA