Stare in una sala d’attesa

Sono ovunque. Le trovi nella stazione ferroviaria mentre aspetti il treno; negli aeroporti in attesa di volare; negli studi medici aspettando il tuo turno per la visita; in una azienda per un colloquio di lavoro; negli uffici pubblici per pratiche e documenti legali; eccetera.

Si tratta di uno spazio di attesa e d’incontro interpersonale casuale o programmato, dove l’ambiente ideale crea uno scambio confortevole di opinioni e può rendere piacevole la pausa di attesa. In genere l’attesa è snervante e per questo motivo si cerca di rendere la sala comoda e accogliente. In ambito commerciale, per conquistare i clienti, una buona regola di marketing è quella dell’accoglienza. Se la sala d’attesa è squallida, lo sarà anche l’attesa e molto probabilmente anche il seguito. C’è sempre un’associazione mentale tra chi ci riceverà con la sala dove stiamo aspettando. Ci sono sale d’attesa dall’ambiente così confortevole da indurre chi attende a manifestare un atteggiamento positivo ancor prima dell’incontro.

Leggi Tutto Nessun Commento

Quando il podio inflaziona la psiche

Tipi strani in congregazione: IL PODIOMANE

Il podio è un trofeo ambito per molti testimoni di Geova di genere maschile. Una volta raggiunto è come vincere la Champions League perché si diventa oratore pubblico. Il podio non è altro che una pedana rialzata rispetto all’uditorio, dove si trovano collocati un leggio, un microfono, un tavolo e due sedie e un vaso di fiori. E’ il palco da cui parlano gli oratori durante le adunanze settimanali o le grandi assemblee. Alcuni amano il podio più della moglie. Per altri è un idolo non confessato. Dopo Geova c’è il podio.

Leggi Tutto Nessun Commento

Cristiani sotto il ghiaccio dell’indifferenza

Oltre i formalismi e le regole

Condizionati dalle raffigurazioni che le religioni fanno del Diavolo in un luogo infernale, dominato dalle fiamme, sembra contraddittoria la visione che ne fa un Dante terrorizzato e raggelato. Egli descrive Lucifero come una gigantesca creatura spaventosa, pelosa, con tre facce e tre paia di ali di pipistrello. Lucifero è conficcato dalla cintola in giù in un lago di ghiaccio. Prigioniero nella morsa ghiacciata, pur piangendo lacrime che si mescolano a una bava sanguinolenta, trasmette un senso di gelida indifferenza, verso i traditori incastrati anch’essi nel gelido ghiaccio.

Leggi Tutto Nessun Commento

Non si possono consolare i sofferenti senza condividere la loro sofferenza / 3

Non si può andare da un sofferente per consolarlo se prima non abbiamo sofferto insieme a lui le sue angosce e le sue preoccupazioni. Non servono i super eroi per lenire le ferite con ogni risposta dottrinale precostituita agli interrogativi della fede. Nessuno ci crederà perché gli eroi esistono solo nei fumetti o nei telefilm e non nella vita reale. Cosa volete che interessino gli aspetti dogmatici della fede o quelli tecno-organizzativi a un fratello che sta soffrendo le pene dell’inferno.

Per consolare i sofferenti servono mani mosse dal pulsare del cuore e parole di sollievo e speranza. La consolazione si nutre di gesti semplici, di contatto umano, di piccole e umili parole.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA