Il Padre dei perduti

particolarerembrandtfiglioprodigo“Mio figlio era perduto ed è stato ritrovato” – Luca 15:24

Dio non è lontano dalle sofferenze umane. Non è un Dio dell’aldilà a spese dell’aldiquà. Ovunque l’uomo vada, Dio lo precede. Dio è Provvidente, conosce i bisogni dell’uomo, prima che gli siano richiesti e provvede a soddisfarli al momento giusto. Gesù è l’esempio perfetto di come agisce Dio.

Gesù fu criticato e perseguitato perché aveva contatti con persone moralmente inadempienti, palesemente irreligiose e immorali: gente tutt’altro che irreprensibile, comportamenti dubbi, tipi equivoci, perduti, disperati, esistenze ai margini della società. Gesù mostra simpatia per i peccatori, essi sono più sinceri dei moralisti poiché non dissimulano la propria condizione come gli ipocriti.

Leggi Tutto Nessun Commento

Ritorna a Geova

article1559

Come il Corpo Direttivo ha preparato questo opuscolo per aiutare gli inattivi a ritornare.

Il nuovo opuscolo Ritorna a Geova, rivolto agli inattivi è stato preparato dal Corpo Direttivo, dopo aver ascoltato diversi fratelli che si sono allontanati. Sono state esaminate attentamente le varie circostanze e riflettuto sulle loro parole (Proverbi 18:13). Poi, il Corpo Direttivo si è rivolto alle Scritture e in preghiera ha analizzato alcuni episodi in cui Geova ha aiutato i suoi servitori ad affrontare circostanze simili. Infine ha unito quegli episodi alle testimonianze di alcuni fratelli, e così è nato questo opuscolo.

Leggi Tutto Nessun Commento

Vittima o vittimismo?

vittimismo2I condizionamenti negativi che continuano a plasmare il nostro carattere possiamo mutarli in pensieri positivi e farne il nostro punto di forza.

Il vittimista è chi ha l’inclinazione a considerarsi perseguitato e osteggiato da persone e circostanze e a lamentarsene in continuazione (ma a volte a compiacersene). In diritto la vittima del reato è la persona offesa. Si riferisce anche a chi soccombe all’altrui inganno, subendone una sopraffazione. Può riferirsi anche a chi si danneggia da sé (vittima di se stesso).

Leggi Tutto Nessun Commento

Fasci o sfasci?

fasciatura

In alcune In alcune congregazioni ci sono gli anziani del cerotto e anziani come lo scienziato pazzo.

In medicina la fascia o benda è una striscia di garza per fasciare le ferite. Secondo un dizionario biblico, la parola ebraica tradotta “fasciare” è spesso usata a proposito del bendare, e quindi al curare e sanare chi è ferito. Sfasciare vuol dire togliere la fascia oppure scompaginare, ridurre in pezzi, distruggere. Lo scopo della fasciatura è quello di favorirne la guarigione. Il tempo è solo parte della cura, intanto fa male. Forse sanguina ancora e se non si cura, può fare infezione e peggiorare la situazione.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA