Far finta di niente è questo il vero peccato

haring-keith-see-no-evil-7200035Nelle congregazioni i pericoli maggiori non sono i peccatori, ma i cristiani che osservano senza fare nulla.

La cultura del proprio ego rende insensibili alle grida di aiuto dei fratelli bisognosi. L’anziano che mostra indifferenza si abitua alle sofferenze degli altri. Il loro dolore, i loro problemi non lo riguardano. E’ come se questi bisognosi non esistessero più. Lui, così indifferente, non si pone domande, non conosce i sentimenti, si nutre di banalità e vive in superficie. I problemi della congregazione non lo sfiorano.

Nel suo sguardo c’è molta indifferenza e pochi gesti di solidarietà. I cristiani in difficoltà che sono protesi in una richiesta d’aiuto o bisognosi di un intervento, si scontrano spesso con gli occhi indifferenti, incollati al suolo o rivolti altrove, di quegli anziani spettatori del naufragio altrui. Stanno in disparte, non stringono alcun legame, sono estranei da tutto e da tutti. Da biasimare.

Leggi Tutto Nessun Commento

«Testardi, vagabondi e mummie spirituali»

papabergoglioSi trovano in ogni religione.

Sua Santità, i testardi, i vagabondi e le mummie spirituali, come Lei sa bene, non ci sono solo tra i cattolici, ma in tutte le religioni, non da meno quella dei Testimoni di Geova. E’ vero, sono cristiani bloccati a metà strada, che hanno perso la via del Signore e non si capisce né cosa siano diventati né cosa sperano nel loro cuore. Lei definisce queste persone “mummie spirituali”, noi invece, e lo diciamo per esperienza diretta, siamo certi che molti dei nostri Testimoni inattivi amano ancora Geova e nel loro cuore la fiammella della fede non si è ancora estinta del tutto. Per quanto ci riguarda, aggiungiamo che non tutti sono testardi, vagabondi e mummie spirituali. Molti di loro hanno sofferto la mancanza di una cura amorevole da parte dei pastori spirituali delle congregazioni.

Leggi Tutto Nessun Commento

Le opinioni non si condannano, si discutono

siigentilesempre

Le disposizioni sbagliate rischiano di produrre effetti opposti a quelli che si prefiggono.

E’ sbagliata la disposizione di mettere a tacere le opinioni diverse da quelle del gruppo, di un leader o di una classe dirigente. Le idee o le tesi inconsistenti che non hanno una base di verità o che risultino illogiche e insensate, per quanto moralmente abiette, razionalmente ridicole e insostenibili sul terreno spirituale, vanno combattute con ragionamenti scritturali, prove ragionevoli e con altre opinioni accettabili e inconfutabili. L’opinione non è mai un reato e sopprimere la libertà di chi la esprime non fa altro che alimentare un’idea che si ritiene sbagliata in partenza.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA