La fiducia persa? Un cavallo morto

Fattori-Autoritrattob1854Giovanni Fattori, autoritratto.

A nulla credo […]. Tutto il creato che vedo osservo e tocco mi incanta, mi fa pensare e a nulla serve né comprendere né definire; […] Ho passato gli anni sperando e finirò maledicendo. Vivo in un secolo di depravazione, di falsità, di disonestà, di amore e di lavoro […]. Entrai nel mondo amando e credendo […] ogni anno che passa e il corpo si invecchia, una delusione si aggiunge al passato […] l’idiota solo è felice – nulla sa e nulla vuole sapere.

Sono le parole scritte in una lettera del 1904 da Giovanni Fattori, il maggiore esponente italiano di quel gruppo di pittori dell’Ottocento, definiti Macchiaioli. Le parole riportate sopra esprimono l’amarezza di Fattori per la caduta dei valori liberali nei quali aveva creduto.

Leggi Tutto Nessun Commento

Nulla è come appare

L’inattivo è visto dalla congregazione come una cornice senza quadro. Lui si vede come un quadro senza cornice.

Il quadro senza cornice appare come un uomo nudo. La cornice senza quadro appare come un corpo senza anima. Gli attivi vedono l’inattivo come un corpo morto, privo di opere e di attività. Questo succede perché l’occhio dell’attivo si concentra sullo spazio vuoto situato all’interno della cornice, dove dovrebbe esserci la tela.

Leggi Tutto Nessun Commento

Dio si guarda ancora allo specchio

ScattodiTomihisaKoujinationalgeographic

L’uomo è stato creato come immagine di Dio e senza il suo Creatore è nulla.

Dio ha creato l’uomo a sua immagine e gli uomini per secoli si sono affaticati a perfezionare o a rovinare questa immagine. In un modo o nell’altro, gli uomini hanno provato a riprodurre copie migliori o peggiori di questa immagine originale di Dio. Imitare Dio è sempre stata una caratteristica prima della religione ebraica e poi del cristianesimo.

Leggi Tutto Nessun Commento

Il divin dolce zufolio del flauto

sufisuonailflauto

Il flauto fatto dalla canna soffre la separazione dal canneto. Allo stesso modo l’uomo soffre  l’allontanamento da Dio.

Ascolta il flauto di canna, com’esso narra la sua storia, com’esso triste lamenta la separazione. Da quando mi strapparono al canneto ho fatto piangere uomini e donne al mio dolce suono. Un cuore io voglio, un cuore lacerato dal distacco dell’Amico, che possa spiegargli la passione del desiderio dell’Amore, che chiunque rimanga lontano dall’Origine sua, sempre ricerca il tempo in cui vi era unito…

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA