Testimoni di Geova abusati spiritualmente

Il problema degli abusi spirituali da parte degli anziani di congregazione

 Altro che abusi sui minori che vengono contestati ai tdG in Australia. Se esistesse un tribunale umano per giudicare gli abusi spirituali che quotidianamente accadono tra i tdG, le denunce si moltiplicherebbero di giorno in giorno e le aule dei tribunali sarebbero piene zeppe di processi a molti di coloro che esercitano l’autorità nelle congregazioni.

Diamo inizio a una serie di articoli che approfondiranno il tema degli abusi spirituali nelle congregazioni dei tdG. Precisiamo subito che non si tratta di una caccia alle streghe ma di un richiamo scritturale con l’obiettivo di smuovere il CD a prendere posizione in merito, come sta facendo con gli abusi sui minori. L’abuso è sempre un abuso, in tutti i sensi, poiché riguarda una violazione, cioè un uso illecito o arbitrario di chi esercita in maniera indebita i poteri che gli derivano dal suo incarico.

Leggi Tutto Nessun Commento

A me gli occhi!

Schermi ipnotici e dipendenza dai flussi digitali

 A proposito di tecnostress, ipnosi e dipendenza, nel suo blog, sul Fatto Quotidiano, Enzo Di Frenna scrive così: “Tutti gli schermi sono ipnotici. Ad esempio la televisione. Avrete sicuramente notato, almeno una volta nella vita, che quando una persona guarda un film o una partita di calcio con totale partecipazione emotiva, sembra assorto in uno stato di trance e non si accorge di voi se gli state rivolgendo la parola. La stessa cosa accade con gli schermi digitali connessi a internet: computer, smartphone e tablet. Cinque minuti di navigazione in Rete possono diventare un’ora: l’attenzione è magnetizzata dal flusso informativo e spesso diventa difficile staccarsi dal monitor […] gli schermi possono favorire la dipendenza psicologica verso lo strumento stesso che veicola le informazioni”.

Leggi Tutto Nessun Commento

Giocare sporco con la dipendenza fraterna

La dipendenza dall’affetto fraterno può essere una gioia, ma può diventare anche una fonte di sofferenza, perché rende fragile il rapporto tra fratelli.

Aristotele mise in guardia i greci dai pericoli derivanti dal lasciarsi accecare dal carisma e dal carattere di una persona. Scongiurava i suoi ascoltatori di prestare attenzione, durante un ragionamento, unicamente ai fatti, in modo da non essere manipolati sul piano emotivo. Oggi le cose non sono affatto cambiate. Chi è affettivamente dipendente è poco sicuro di sé. Senza una “autorizzazione” esterna non riesce a credere al proprio valore. Può vacillare al primo colpo di vento. Da non confondere la dipendenza con la rassicurazione, che è conforto, rasserenamento, tranquillizzazione. La troppa dipendenza dagli altri può aiutarci a vedere le cose in senso inverso cercando di comprendere i motivi per cui siamo troppo sensibili a certe persone e a come proteggerci.

Leggi Tutto 1 Commento

Un’organizzazione deludente?

In congregazione, alcuni, in maniera erronea, esortano i fratelli a ostentare una gioia senza ombre. La tristezza non è vista di buon occhio. Costoro vivono in un ambiente tutto loro e pretendono che gli altri appaiano felici e allegri anche quando i problemi sono seri e gravosi.

Alcuni cristiani sono rimasti così delusi dall’organizzazione dei tdG che somigliano a pugili suonati. E’ come se avessero subìto traumi cranici, dovuti a una scarica di pugni dolorosi da chi meno se l’aspettavano. Per questo motivo molti hanno scelto di abbandonare l’organizzazione dei tdG che, secondo loro, non li ha difesi, né cautelati.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA