«Quella vita non vissuta»

Li chiamano lutti interiori e sono causati da una perdita grave. Chi non li supera, accumula rancore verso se stesso.

Dalla morte si può imparare a vivere. Anche quando ci si perde spiritualmente. Spesso una perdita (una persona cara, il lavoro, la casa, la salute, un amico, Dio, la religione) ci insegna a vivere e ad apprezzare di più la vita. Una perdita può scuoterci dalle fondamenta del nostro essere e trasformarsi in un’occasione per rinnovarsi. Chi non è toccato da una perdita non sarà toccato nemmeno dall’amore.

Leggi Tutto Nessun Commento

Giustificarmi o darvi spiegazioni? No, non le meritate!

Perché non vieni più in Sala? Non ti rendi conto che stai sbagliando? Cosa c’entra Geova con gli anziani?

La decisione di allontanarsi dalla congregazione suscita quasi sempre un coro di disapprovazione, di domande e spesso una serie di giudizi negativi. Non è una novità. Ci sono sempre persone che hanno qualcosa da dire sul nostro comportamento e sulle decisioni che prendiamo. Alcuni si sentono autorizzati dallo Spirito Santo di mettere bocca sul nostro stile di vita o su quello che pensiamo. Altri, invece, si sentono investiti di autorità e pontificano sulle nostre scelte. Che sia corretto dare spiegazioni quando le nostre scelte coinvolgono altri non ci piove. In caso contrario, perché dovremmo dare spiegazioni a chi non si è mai interessato di noi, a chi fa fatica a salutarci persino in Sala del Regno o ci ha sempre visto in maniera negativa o a chi non ha a cuore i nostri bisogni?  A volte, vengono a chiederci spiegazioni proprio coloro che ci hanno causato i guai peggiori, facendoci ammalare spiritualmente.

Leggi Tutto Nessun Commento

Dio riesce a leggere persino gli scarabocchi del nostro cuore

Sei così scoraggiato che stai per arrenderti?

 Durante una telefonata, una riunione o mentre sono in attesa, molte persone iniziano a scarabocchiare su un foglio strane forme in apparenza prive di significato. Questi disegni, fatti in maniera inconsapevole e automatica, in genere, sembra che rivelino emozioni e aspetti sconosciuti del nostro inconscio. Secondo alcuni studi esistono collegamenti tra questi intrecci bizzarri di linee e segni, spesso fatti alla rinfusa, con alcuni aspetti della personalità.

Di difficile interpretazione sono gli “scarabocchi” del nostro cuore, cioè quei gemiti inespressi, di cui si parla in Romani 8:26. Questi pianti lievi e sommessi sono dovuti al dolore di una particolare situazione che stiamo vivendo e che sembra non avere nessuna via d’uscita. Ci dimeniamo, ci dibattiamo, ci affatichiamo e soffriamo senza vedere la luce del tunnel. Allo stremo delle nostre forze stiamo per cedere. Il nostro cuore è talmente scarabocchiato dalle preoccupazioni che non ci capiamo più nulla e stiamo pensando di lasciare “la verità”. 

Leggi Tutto 1 Commento

Un vuoto spirituale

Si può servire Dio ed essere nello stesso tempo spiritualmente vuoti?

Sì, forse si tratta di una spiritualità intellettuale, dottrinale o di una conoscenza che non basta a dare un senso alla vita. Oppure, può trattarsi di una spiritualità basata su norme morali o su opere che Dio può richiedere. La spiritualità è una “particolare sensibilità e profonda adesione ai valori spirituali”. (Treccani) In pratica, è la caratteristica di chi attribuisce un particolare valore alle cose spirituali e religiose. Per la persona spirituale Dio occupa il centro della sua vita. Egli desidera Dio, sente il bisogno della sua cura, della sua pace e del suo amore. L’uomo spirituale tiene sempre aperta la porta dello Spirito. Senza il nostro consenso Dio non può entrare in noi. Solo con l’amore l’uomo riesce a “toccare” il cuore di Dio.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA