Che fantastica storia è la vita

Un testo, con quattro strofe ripetitive che si alternano in modo uguale e che evidenziano un unico destino: SPERARE NELLA RISALITA.

La vita merita di essere vissuta in quanto fantastica, cioè piena di vigore, potenza, immaginazione, creatività. Nel testo non ci sono domande, esse conducono alla soluzione positiva del problema: la speranza per vivere.

L’uomo è in grado di affermare il senso della vita se si lascia sostenere dalla speranza di raggiungere la sua meta. Gli imprevisti, i fallimenti, le cadute, gli alti e bassi della vita, non sono ostacoli insormontabili per chi è determinato a vivere la sua vita.

Chi sono i quattro personaggi che con le loro storie racchiudono le molte sfaccettature della vita umana?

Antonio è il primo personaggio, una sintesi autobiografica di Venditti, dove si cantano le scelte non condivise dai genitori che avrebbero voluto per quel giovane figlio un futuro diverso. Seguirà nella vita la sua vocazione, una scelta sofferta che lo priverà degli amici e del suo amore ma che gli darà grandi soddisfazioni.

Laura, la cui laurea non le garantisce il futuro che sperava. La buona sorte, purtroppo, non sempre dipende da un titolo di studio. L’unica risorsa economica per far crescere Luca, quel figlio senza padre, è la pensione di uno dei suoi genitori.

Gesù è il nome di un pescatore scelto dall’autore con l’intento di ricordare il Gesù dei Vangeli, che raggiunse la vetta della sua salita con il sacrificio supremo: la morte. Ogni mestiere, sia se si è credenti o no, è nobile e può servire a raggiungere la meta finale.

Aisha, (che vuol dire Vita) è un algerino, dice di essere la quarta di tremila persone che tenteranno di “scalare”, di farcela, di riuscirci durante la loro vita.

Nonostante le loro vicissitudini, quando ormai pensavano che i loro sogni fossero svaniti per sempre, tutt’e quattro i personaggi alla fine ce l’hanno fatta a “risalire”.

“I miei tormenti fanno parte della vita, so di avere una fede che cammina tra le spine”. (Sono le parole di un fratello ‘lontano’ quando lottava per terminare la salita della sua vita. Ce l’ha fatta! È ritornato a Geova).

 

_____

Che fantastica storia è la vita

Mi chiamo Antonio e faccio il cantautore, / e mio padre e mia madre mi volevano dottore, / ho sfidato il destino per la prima canzone, / ho lasciato gli amici, ho perduto l’amore. / E quando penso che sia finita, / è proprio allora che comincia la salita. / Che fantastica storia è la vita.

Mi chiamo Laura e sono laureata, / dopo mille concorsi faccio l’impiegata, / e mio padre e mia madre, una sola pensione, / fanno crescere Luca, il mio unico amore. / A volte penso che sia finita, / ma è proprio allora che comincia la salita. / Che fantastica storia è la vita. / Che fantastica storia è la vita. / E quando pensi che sia finita, / è proprio allora che comincia la salita. / Che fantastica storia è la vita.

Mi chiamano Gesù e faccio il pescatore, / e del mare e del pesce sento ancora l’odore, / di mio Padre e mia Madre, su questa Croce, / nelle notti d’estate, sento ancora la voce. / E quando penso che sia finita, / è proprio allora che comincia la salita. / Che fantastica storia è la vita.

Mi chiamo Aisha: come una canzone, / sono la quarta di tremila persone, / su questo scoglio di buona speranza, / scelgo la vita, l’unica salva. / E quando penso che sia finita, / è proprio adesso che comincia la salita. / Che fantastica storia è la vita.

____

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA