Perché lo fai?

approved

Gli sforzi che fai per aiutare le persone del territorio e gli inattivi sono equiparati? Confrontando le due cose si nota disparità?

Sono lodevoli gli sforzi che fai per aiutare le persone a studiare la Bibbia, mettere in pratica i principi morali, frequentare le adunanze e addestrarli per divenire nuovi proclamatori della Buona Notizia. In congregazione, i fratelli lo notano che ci metti “una marcia” in più.

Come mai la stessa forza non si attiva in te quando c’è da cercare e confortare gli inattivi? Gli sforzi che fai per aiutare le persone del territorio e gli inattivi sono equiparati? Se si fa un confronto tra le due cose, si nota disparità? Tale disuguaglianza è dovuta a un ritorno di interesse? Quando aiuti una persona interessata segni sul rapporto di servizio il tempo che normalmente dedichi a essa.

Puoi segnare anche il numero delle riviste che lasci e le volte che ci torni. Questa gratificante attività sarà evidente agli anziani quando ti valuteranno per assegnarti ulteriori privilegi. Diciamolo francamente: “Questi sforzi sono eccellenti e la cosa ti lusinga”.

Tutt’altra cosa è dedicare del tempo agli inattivi: costa fatica. Non hai visibilità. E poi, bisogna essere molto preparati nel trattare i problemi con un inattivo. Ci vuole maturità e tanta empatia. A volte, i risultati non sono quelli sperati, seguono delusione e frustrazione.

Che cosa motiva le tue scelte? Perché lo fai? Hai di più a cuore l’approvazione degli uomini? Ti applichi perché hai come fine i privilegi e gli incarichi in congregazione? O lo fai perché ti piace sentire nel tuo cuore la voce calma e sommessa di Geova, che ti ringrazia affettuosamente per aver contribuito ad avvicinare una sua pecora a lui?

Tags: , ,

Trackback dal tuo sito.

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA