Come si combattono le persone negative?

particolarerapportonegativo

Se la persona negativa è un compagno di fede, pregate il Padre Eterno che lo cambi. Se le cose peggiorano, vuol dire che lui è più forte di Dio. In questo caso cambiate religione o Dio.

Un persistente pessimismo condiziona la vita di molti religiosi. E non solo la loro, costoro riescono a rovinare la vita anche degli altri. Si tratta di persone irritabili e insoddisfatte, spesso vittime di se stesse. Vivono la realtà da frustrati e soffrono di questa disillusione. A causa di un’autostima molto bassa sono spesso apatici e a volte anche sprezzanti. Indossano una corazza di filo spinato e pungono chiunque tenti di avvicinarli. Ragionare con loro è impossibile. Hanno una personalità inibita. Sospettano di tutto anche delle cose di cui dovrebbero godere. Sospettano pure di se stessi. Hanno un dono naturale: trasmettono la loro negatività come pochi sanno fare. A sentire alcuni, se la persona negativa è un vostro vicino di casa, dicono che sia meglio cambiare città. Se è un vostro capo sul posto di lavoro, cambiate capo se ci riuscite, altrimenti cambiate lavoro, ne va di mezzo il vostro apparato cerebrale. Se si tratta di un vostro familiare, andate a vivere da soli. Se invece è un compagno di fede, pregate il Padre Eterno che lo cambi. Se le cose peggiorano, vuol dire che lui è più forte di Dio. In questo caso cambiate religione o Dio. La Parola di Dio contiene tutt’altro genere di consigli in merito ai sentimenti negativi e alle persone pessimiste. Come possiamo salvaguardare la pace e l’equilibrio mentale quando incontriamo sulla nostra strada un individuo del genere?

rapporto-negativoPrima di entrare nella Terra Promessa, gli israeliti si lasciarono influenzare da un rapporto negativo dopo aver esplorato Canaan. Un’intera generazione non vi entrò.

NON PRENDERTELA CON GEOVA, LUI NON C’ENTRA NULLA

“È la stoltezza dell’uomo terreno che torce la sua via, e così il suo cuore diviene furente contro Geova stesso”(Prov. 19:3).  Molte colpe sono il risultato delle nostre azioni. Se uno è negativo e si comporta in malo modo che c’entra Geova? Cosa si guadagna a prendersela con Dio? Molti israeliti si lasciarono influenzare da un rapporto negativo e non fu permesso loro di entrare nella Terra Promessa. (Deut. 1:34,35). Non incolpiamo questi individui negativi dei nostri errori e non concentriamoci troppo su noi stessi e nemmeno su questi moderni mangiatori di cipolle e cetrioli. (Num. 11:5)

NON DIMENTICHIAMOCI DELLA POTENTE MANO DI GEOVA

Ricordiamoci tutto ciò che di buono Geova ha fatto per noi. Come il salmista, meditiamo sulle opere meravigliose di Geova e non sulle cose negative dei golosi di cipolle. (Salmo 77:11,12) Di tanto in tanto ricordiamoci chi eravamo prima di conoscere la verità e non nutriamo nemmeno un atteggiamento negativo verso gli altri fratelli che con tutta probabilità non c’entrano nulla neanche loro.

IDENTIFICHIAMO IL VERO LAMENTATORE E PONIAMO DEI LIMITI

A volte i problemi possono essere causati “dal tempo e dall’avvenimento imprevisto”. Ed è naturale che ogni tanto capiti di lamentarci. Non per questo siamo condannati alla perdizione eterna, né ci possiamo considerare persone negative. Il pessimista cui ci riferiamo è chi si lamenta continuamente. Dobbiamo stare all’erta se le persone negative fanno parte della nostra cerchia: alla fine troveranno un nostro punto debole e vi faranno breccia. Non sottovalutiamo l’invidia che questi potrebbero nutrire nei nostri riguardi. A ogni affermazione negativa mettiamo dei limiti. Dietro una persona negativa c’è sempre una tendenza distruttiva. Dimostriamo che non siamo d’accordo con loro e che non siamo come loro. Sorridiamo davanti ai loro commenti negativi aggiungendo frasi del tipo: “Solo le persone positive riescono ad amare Geova e a raggiungere la meta della vita eterna”; “Chi è positivo apprezza il vero valore della vita”. Facciamo capire loro che la visione che hanno della vita non ha futuro e porta ad altri problemi. Vediamole come persone infelici che non hanno speranza né futuro.

disco-rottoI pessimisti sono come un disco rotto

AGITE IN MODO PROPOSITIVO

Siate convinti della vostra speranza e delle vostre idee. Siate decisi a difendere il vostro credo e che siete capaci di raggiungere ciò che vi proponete. A questo punto non vi importerà più nulla di queste persone negative. La vita è fatta per imparare, sbagliare e cambiare. Caro fratello inattivo, capiterà sempre di dover sbagliare. Ma ti solleverai e riprenderai di nuovo il tuo cammino. Dillo anche a voce alta se è necessario. Non dimostrare paura. Sono i negativi che devono aver paura di te. Se in passato qualcuno dallo spirito negativo ti ha amareggiato, torna a Geova, lui non ti deluderà mai. Mentre voi fratelli maturi, se riuscite ad aiutare i negativi – se si lasciano aiutare da voi – fate capire che “c’è più felicità nel dare che nel ricevere” e che ognuno di noi ha diritto all’autostima, a essere felice e che riuscirci è nelle nostre possibilità.

Il pessimista non ha alcuna fiducia, non spera e non osa. Fugge di fronte alle sfide. Se vuole guarire, deve ritrovare fiducia in se stesso, negli altri e in Dio. E’ questa la medicina dell’anima di cui ha bisogno. Se la persona negativa non cede all’altro i suoi interessi e non si affida a Dio completamente, non capirà mai le possibilità che possono rendere la sua vita bella e degna di essere vissuta. A volte si diventa negativi perché non riusciamo a liberarci dai calcoli e dalle pretese che a ogni sforzo che facciamo corrispondano i risultati auspicati. Servire Geova non è matematica. Non rassegniamoci se non vediamo il frutto delle nostre opere. La gioia della speranza non sempre è nel riso, a volte è nelle lacrime e nel loro silenzio. Caro fratello inattivo, quando si comprende la propria scelta di “dedicarsi” a Dio, occorre fare di tutto per non venir meno a questa promessa. A ogni costo.

 

Tags: , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA