Dal cantico 45: «Pensieri inquietanti in me / van via quando penso a te»

La meditazione del mio cuore è il titolo del cantico 45 e prende spunto dal Salmo 19:14Le parole della mia bocca e le meditazioni del mio cuore ti siano gradite, o Geova, mia Roccia e mio Redentore”.

Le parole del salmista ci incoraggiano a fare in modo che le cose a cui pensiamo durante il giorno e la notte siano gradite a Geova Dio. Per questo motivo dobbiamo preoccuparci non solo di quello che facciamo ma anche di quello che diciamo e pensiamo.

Capita a molti cristiani di passare notti insonni a motivo di varie preoccupazioni. Quando si cerca Geova i pensieri inquietanti vanno via. Meditare sulle cose spirituali permettere di avere la pace di Dio che protegge la mente e aiuta il cuore a custodirle. Assorti nei pensieri di Geova, dall’inquietudine si passa alla felicità.

Il Salmo 19 è una grandiosa testimonianza della gloria del Creatore. Mostra l’apprezzamento di Davide per la creazione di Dio, per le sue leggi e ci ricorda che dovremmo provare il desiderio di stringere una buona relazione con Geova.

Giorno dopo giorno, notte dopo notte, la creazione non smette mai di dichiarare la gloria di Dio, e ci sentiamo infinitamente piccoli mentre contempliamo questa silenziosa testimonianza che si manifesta in “tutta la terra” affinché tutti la vedano.

Se la creazione muta loda Geova in maniera silenziosa, tanto più dovremmo farlo noi dotati del dono del linguaggio. Ma per avere significato, la lode deve nascere da un cuore pieno di amore per Geova e dal riconoscere sinceramente che la sua gloria è senza uguali. Geova solo è il Creatore. È l’Onnipotente, il Giusto per eccellenza e la personificazione dell’amore. È la fonte della nostra salvezza e il legittimo Sovrano.

Se state attraversando un periodo particolarmente difficile e siete lontani da Dio e dalla congregazione, mentre l’inquietudine paralizza i vostri pensieri, sappiate che Dio è a conoscenza della vostra agitazione e può guidarvi e confortarvi mediante il suo spirito.

Per quanto l’inquietudine possa creare ansia, apprensione, turbamento, possiamo esternare a Geova qualsiasi timore, fiduciosi che ascolterà sempre le nostre sincere preghiere, soprattutto se stiamo coltivando il desiderio di ritornare da lui.

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Commenti (2)

  • anonimo

    |

    sono d’accordo con il cantico, che solo Geova può togliere i pensieri che non funzionano bene. Se aspettano che altri tolgono dalla testa i pensieri cattivi si, campa cavallo che ……… e poi non capisco quelli che commentano a questi siti che si lamentano della situazione nella congregazione perchè loro cosa fanno per migliorare la situazione????? Il tempo datelo alla predicazione perché sono di più i proclamatori che inattivi e disassociati a lamentarsi. Aiutate chi ha bisogno invece di lamentarvi sempre.

    Reply

    • inattivopuntoinfo

      |

      Pur se scritto con un tono perentorio e con una veduta del tutto personale della verità cristiana, questo commento ha il merito di evidenziare un aspetto che vale la pena approfondire. E’ vero che a lamentarsi di quello che succede nelle congregazioni sono più i proclamatori attivi che gli “inattivi” o coloro che si sono allontanati definitivamente dall’organizzazione di Geova?

      Reply

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA