Dio fa dimorare chi è solo nella sua casa

Sei solo perché lontano da Geova?

“A quelli che sono soli Dio dà una casa in cui abitare” (Salmo 68:6).

La copertina della Torre di Guardia n. 1 del 2018 è una foto scattata probabilmente in una stazione ferroviaria, dove si vedono in primo piano un viaggiatore che guarda l’orologio, un signore che sta parlando al telefono, una ragazza che forse sta ascoltando la musica, altri due che camminano lungo la corsia del binario e un viaggiatore che sta salendo sul treno. La foto rappresenta il via vai tipico di un’affollata stazione ferroviaria. Si tratta dunque di una inquadratura “dinamica”, di persone indaffarate e in movimento, ognuna che va per conto suo. L’unico fermo immagine che si contraddistingue da tutte le altre persone è quello di una donna seduta, immersa nella lettura della Bibbia.

Il messaggio è chiaro: “Vale la pena leggere la Bibbia e quanto sono utili oggi i suoi consigli in una società moderna e tecnologica, che sa solo correre avanti e indietro?”

Nel sottotitolo 2 Aiuta a superare i problemi, riferito ai problemi che si protraggono nel tempo e che stanno già condizionando la vita, vengono riportati alcuni esempi di vita vissuta e fra questi c’è quello di Delphine, che lottava con la solitudine. “Era come se stessi dietro un vetro a guardare gli altri vivere. Mi sentivo veramente sola”. Un versetto che l’ha aiutata è stato Salmo 68:6: “Dio fa dimorare i solitari [o chi è solo] in una casa”. Delphine spiega: “Sapevo che questo versetto non poteva riferirsi solo a una casa letterale. Ho capito che Dio ci offre una casa spirituale, un luogo in cui sentirsi davvero al sicuro e in cui avere autentici legami affettivi con chi come noi ama Geova. Ma sapevo di non potermi avvicinare agli altri se prima non mi avvicinavo a Geova, e in questo mi ha aiutato Salmo 37:4: ‘Prova squisito diletto in Geova, ed egli ti darà secondo le richieste del tuo cuore’”.

Delphine conclude con queste parole: “Mi sono resa conto che dovevo stringermi di più a Geova. Lui è davvero l’Amico migliore. Poi ho fatto un elenco di attività che mi permettessero di stare con gli altri e di creare legami basati su valori spirituali. Ho imparato a vedere il buono che c’è negli altri e a trattarli come se riuscissi a vedere solo quello”.

Naturalmente, conclude la Torre di Guardia, anche chi adora Dio è imperfetto. I Testimoni di Geova lottano con i problemi come tutti. Gli insegnamenti della Bibbia, però, spingono chi li segue ad aiutare gli altri ogni volta che è possibile. È saggio stringere amicizie con persone così.

Caro fratello lontano, la porta della casa di Geova è sempre aperta per te. Se stai soffrendo in solitudine, ricorda le parole del Salmo 68:6. Dio è sempre disponibile a darti un luogo sicuro dove dimorare.

Tags: , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA