Disintossicarsi dalla pornografia. In che modo? (2)

A causa del peccato e delle nostre colpe siamo persone «morte» agli occhi di Dio e i morti più che disintossicarsi hanno bisogno di una risurrezione (Efesini 2:1).

Nella sua lettera, Paolo scrive che gli efesini un tempo seguivano le pratiche di questo mondo con le sue inclinazioni carnali. Grazie al sacrificio di Cristo e al suo amore misericordioso, erano stati purificati e salvati mediante il dono della fede.

La pornografia è una pratica degradante di questo mondo e si può uscire da essa con una risurrezione spirituale, una trasformazione totale che passi attraverso un rinnovamento mentale (Romani 12:2).

Prima di disintossicarsi è fondamentale comprendere che il porno dipendente è considerato un “morto” agli occhi di Dio, e necessità di un mutamento strutturale pari alla risurrezione. Per avere una condizione morale accettabile, questo è uno dei cambiamenti più difficili e complicati da fare  Si tratta di una vera e propria rigenerazione della carne e dello spirito.

Così come la pornografia brama pratiche sessuali dissolute, così è lo Spirito di Dio con i desideri spirituali (Galati 5:22-25). In quali modi, un cristiano si può sbarazzare della porno dipendenza?

  1. Responsabilità e trasparenza. Il cristiano vive in una comunità sana e pura, per cui ha la responsabilità di essere una persona cristallina e retta. Nascondendo le sue pratiche impure rende contaminata la congregazione. Deve perciò confessare i suoi peccati ai pastori soccorrevoli che si impegneranno ad aiutarlo (Giacomo 5:16). Si deve consentire a persone altamente mature e spirituali di accedere al proprio cuore per un lungo tempo.
  1. Scritture e preghiera. La pornografia reca una grave distorsione mentale, invece le Scritture “aggiustano” i pensieri rotti. Se la pornografia soddisfa desideri sessuali degradanti, la Bibbia penetra nel midollo, discerne i pensieri e svela qualsiasi altra cosa nascosta nelle parti più recondite dell’anima. La preghiera infonde forza e connette con Dio che misericordiosamente provvede l’aiuto e il sostegno necessario. (Salmo 119:37)
  1. Le regole non sempre funzionano (Colossesi 2:20-22). La fiamma bruciante della passione va spenta con il piacere di Dio. La pornografia va combattuta non con minacce e proibizioni, ma con l’appagamento del proprio bisogno spirituale. Col tempo certi pensieri potrebbero riaffiorare, è dunque saggio prepararsi a combatterli, trattando “duramente” il corpo fino a renderlo schiavo dello Spirito (1 Corinti 9:27). A volte un piacere si combatte con un piacere più forte. Cercare di piacere a Dio e non a sé stessi è un modo per rafforzarsi.
  1. Sperare nella riuscita anche dopo varie ricadute. Romani 8:11 assicura che lo stesso spirito che ha risuscitato Gesù dai morti può farlo con chi vive una porno dipendenza. Chi nutre nella sua mente immagini degradanti, se vuole “risuscitare” a nuova vita, deve nutrirsi di speranza e di cose dello spirito (Romani 8:5).

Non abbiamo le fette di salame negli occhi, né induciamo a false attese, sappiamo bene che la dipendenza da pornografia è un problema che richiede anni e aiuto specializzato. I suggerimenti riportati sono solo suggerimenti scritturali. Chi è inattivo e ha questo problema lo incoraggiamo a confidarsi con un fratello maturo e comprensivo.

Il desiderio sessuale è stato completamente deviato dalla pornografia e non è facile riprendere il cammino dell’integrità morale. La pornografia è un modo satanico per cadere nell’immoralità. Odiatela come la odia Geova e allontanatela con la stessa determinazione con cui Gesù allontanò Satana (Matteo 4:10).

Tags: , , , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA