Fasci o sfasci?

fasciatura

In alcune In alcune congregazioni ci sono gli anziani del cerotto e anziani come lo scienziato pazzo.

In medicina la fascia o benda è una striscia di garza per fasciare le ferite. Secondo un dizionario biblico, la parola ebraica tradotta “fasciare” è spesso usata a proposito del bendare, e quindi al curare e sanare chi è ferito. Sfasciare vuol dire togliere la fascia oppure scompaginare, ridurre in pezzi, distruggere. Lo scopo della fasciatura è quello di favorirne la guarigione. Il tempo è solo parte della cura, intanto fa male. Forse sanguina ancora e se non si cura, può fare infezione e peggiorare la situazione.

Dio esercita la funzione di fasciare: “Sana quelli che hanno il cuore rotto, e fascia le loro parti dolenti”. – Salmo 147:3. Gesù applicò a se stesso le parole di Isaia riguardo al messia, mandato a: “fasciare quelli che hanno il cuore rotto”. (Isaia 61:1) Lo fece con il suo modo confortante di parlare alle “canne rotte” e ai “lucignoli fumanti”. Invitò “gli affaticati e gli oppressi” ad andare da lui per ricevere ristoro. (Matteo 11:28-30) Una delle parabole più toccanti di Gesù è quella del samaritano che “mosso a pietà” usò le sue risorse per fasciare la ferita del “mezzo morto”, in modo che si potesse riprendere da quell’aggressione. Quel gesto soccorrevole non cambiò il mondo, ma di sicuro cambiò la vita di quello sventurato.

agnello-tra-le-spineGeova condannò la trascuratezza e il modo di fare dei pastori spirituali d’Israele: “Non avete rafforzato le deboli, e non avete sanato la malata, e non avete fasciato la fiaccata, e non avete ricondotto la dispersa, e non avete cercato di trovare la smarrita, ma le avete tenute sottoposte con asprezza, sì, con tirannia”. – Ezechiele 34:4 Al riguardo, anche l’apostolo Paolo, disse: “Raddrizzate le mani cadenti e le ginocchia indebolite, e continuate a fare sentieri diritti per i vostri piedi, affinché ciò che è zoppo non si sloghi, ma anzi sia sanato”. (Ebrei 12:12,13)

Alcuni si sentono come Davide che disse: “Il biasimo stesso ha rotto il mio cuore, e la ferita è incurabile. E speravo che qualcuno mi mostrasse compassione, ma non c’era nessuno; e nei confortatori, ma non trovai nessuno”. — Sal. 69:20

Quando siete malati, da chi vorreste farvi curare? Da un medico che vi dedica appena qualche minuto e vi prescrive subito una medicina per liberarsi di voi e passare al prossimo paziente? O da uno che vi ascolta con attenzione, vi spiega quale potrebbe essere il vostro disturbo e vi prospetta alcune terapie possibili?

Alcuni, in congregazione, sono come i confortatori di Giobbe: “medici di nessun valore”. – Giobbe 13:4 Quando un bisognoso di cure si rivolge loro, invece di una fasciatura adeguata mettono un cerotto sopra la ferita profonda. Sono gli anziani del cerotto.

Per fortuna che in congregazione ci sono anziani specialisti e competenti e purtroppo anche anziani ignoranti e superficialmente generici. Questi ultimi invece di fasciare sfasciano, invece di sanare ammalano. Se sei un malato terminale, con loro non arrivi neanche a scadenza. Questi, sono sempre pronti a intervenire e dare consigli non richiesti, anche quando uno è sano. E se non stai attento a quello che ti consigliano, rischi veramente di finire in ospedale. Questi anziani sono come lo scienziato pazzo, quel personaggio stereotipato della narrativa popolare, buono o malvagio, folle e maldestro. Lo scienziato anziano pazzo lavora con una tecnologia del tutto immaginaria e porta avanti il suo piano come un “dio”. A volte è l’intero corpo degli anziani a formare un team, come i protagonisti del laboratorio di Dexter, la divertente serie di cartoni animati.

scienziato-pazzo

Hanno riso delle mie teorie. Stolti! Li distruggerò tutti!

Bianco, maschio, anziano, con denti sconnessi e capelli arruffati, magro, camice, occhiali, posa drammatica: un popolare stereotipo di scienziato pazzo.

 

In congregazione sei conosciuto come un pastore amorevole, compassionevole, che ha tenera cura delle pecore, oppure come uno scienziato pazzo? Chiediti quando parli: “fascio o sfascio?” “approvo o disapprovo?” Le adunanze cristiane non si tengono principalmente per dare e ricevere consigli. Piuttosto ci raduniamo regolarmente per edificarci e incoraggiarci a vicenda. (W 15-11-1995 p.

Tags: , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA