Il gestore del sito è responsabile del carattere diffamatorio del commento

Chi gestisce un sito, anche non professionale, è responsabile dei commenti dei lettori. Rischia una condanna per diffamazione. È quanto stabilisce per la prima volta la Corte di Cassazione.

Secondo quanto riportato da Repubblica.it, in primo grado il gestore è stato assolto, in secondo grado condannato e ora la Cassazione conferma: dovrà pagare 60 mila euro per “concorso in diffamazione”.

Con questo orientamento da parte della Cassazione, il rischio di gestire un sito con relativi commenti è molto alto. Il gestore prima di pubblicare un commento dovrebbe chiedersi se sia diffamatorio o no.

I gestori dei siti e i loro utenti sono avvisati.

(leggi l’articolo su Repubblica.it)

 

Tags: , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA