I PUNTI DI FORZA di molti testimoni di Geova

Perché molti Testimoni hanno successo nelle attività spirituali e altri meno? Quali sono i punti di forza della loro felicità?

Adoriamo lo stesso Dio, apparteniamo a un’unica associazione mondiale di fratelli, crediamo nella Parola di Dio e pratichiamo molte stesse cose. Perché allora molti di noi sono felici e altri no? La nostra vita è il riflesso delle nostre credenze. La risposta del nostro mondo dipende da ciò che noi abbiamo saputo creare durante la nostra vita cristiana. Esaminiamo alcune situazioni:

  • Ogni cosa accade per il nostro bene. (Romani 8:28) Ogni circostanza, buona o cattiva, è utile per crescere. Il portiere di una squadra di calcio si ruppe il ginocchio durante uno scontro con un suo compagno. La diagnosi fu terribile: doveva stare per molto tempo lontano dai campi di calcio. In ospedale, un suo amico gli portò una chitarra per distrarsi. Cominciò a suonarla e compose una canzone: La vita continua come prima. Diventò un cantautore famoso. Il suo nome? Julio Iglesias. Nella vita accadono cose molto spiacevoli e spesso hanno il loro lato positivo. Dipende molto da noi nel saperle trasformare da negative in positivo.
  • Anche se ci rimetto, un guadagno lo ricavo comunque. (Salmo 37:23,24) Dopo la tempesta c’è sempre la quiete. Avere avuto problemi in congregazione ci ha fatto capire che esistono anche fratelli meravigliosi su cui fidarci. A volte notiamo la bellezza dei fratelli grazie alla bruttezza di alcuni. Alcuni che hanno sofferto molto in congregazione, sono riusciti a venirne fuori in maniera eccellente, perché non hanno considerato un fallimento o una delusione l’adesione ai testimoni di Geova. Non si sono “tagliati le vene”, ma hanno imparato dalle loro esperienze che si può sempre migliorare.
  • Alla fine il responsabile della mia vita sono sempre io.  (Proverbi 19:3) Quando le cose vanno bene ce ne attribuiamo i meriti. Quando vanno male diamo la colpa ad altri. Convincersi di essere una vittima e non il responsabile dei propri problemi, non aiuta il cervello a trovare una giusta soluzione. Se il cervello riceve il messaggio che siamo noi i responsabili del nostro mondo, si sente anche lui responsabile e comincia ad attivarsi per attirare persone positive, fatti e qualità spirituali che contribuiscono alla riuscita del problema. Qualcuno dice che le cose personali che gli sono successe non si possono capire, perché non le abbiamo vissute. A dire il vero, è quasi sempre il mediocre a dire che se non sei come lui non puoi capire, ma non il vincente.
  • Buona e mala sorte. “Del tutto preparato per ogni opera buona” (2 Tim. 3:16, 17). Molti si convincono che la sorte non ha mai regalato loro un sorriso. Il punto è un altro: quando ci capita qualcosa (in positivo o in negativo) siamo preparati all’opportunità che si presenta? I cristiani di successo sanno che la cosa buona prima o poi arriverà e per questo si preparano in anticipo, come se l’avessero già ricevuta. Molti errori sono dovuti all’impreparazione. Alcuni pensano che certe cose non dovrebbero succedere nella nostra organizzazione. Si certo, come no. Sveglia!
  • Se non vi piace quello che fate siete nel posto sbagliato. Le cose che Dio ci chiede nella nostra vita non sono fatte per farci soffrire, ma per goderne i frutti, per realizzarci come uomini di fede. Gli schiavi non sono mai felici perché sudano e sgobbano senza libertà e senza ricevere nulla in cambio. Gli adoratori di Geova sono volontari e si godono il risultato delle loro fatiche. Se abbiamo accettato volontariamente di diventare servitori di Dio, dobbiamo concederci a Lui 24 ore su 24. Non esistono pause, intervalli e momenti in cui non siamo Testimoni. Il successo è il risultato di un impegno totale e non parziale. Ci vuole disciplina ed equilibrio. (Proverbi 10:22)
  • “Mediante il ferro, il ferro stesso si affila. Così un uomo affila la faccia di un altro”. (Proverbi 27:17) Se vi associate con persone poco spirituali o con degli stupidi, alla fine li imiterete. E la cosa grave è che non ce ne accorgiamo. Non i mediocri, ma i fratelli di valore dobbiamo frequentare. Se vuoi pescare i pesci non devi andare in campagna ma al mare. Devi unirti a persone forti in senso spirituale. Se operate con persone scarse, i loro difetti ve li appiccicheranno addosso. In una congregazione dove si opera per la soluzione dei problemi, dove ci si “affila la faccia” l’un con l’altro per crescere e rafforzarsi nello spirito, è molto più probabile che la vostra fede sarà resistente come il ferro.
  • Scopri il tuo talento. Nasciamo con doni naturali che definiranno la nostra personalità. Il successo è scoprirli e affinarli attraverso impegno, fatica e sacrifici. Il potere di cambiare le cose è dentro di noi e spesso non lo sappiamo o non ci accorgiamo di possederne le qualità e soprattutto non sappiamo sfruttare la nostra capacità di imparare, l’intelligenza percettiva e molte altre virtù del nostro potenziale umano. Le risposte le dobbiamo cercare dentro di noi. Siamo fatti a somiglianza di Dio e possiamo fare cose da Dio. Ma molti non lo sanno.
  • Problemi grandi e atteggiamento superiore a essi. Non possiamo cambiare i problemi e gli avvenimenti non previsti, possiamo però cambiare l’atteggiamento. Stephen Hawking, noto fisico inglese, fu vittima di una grave malattia degenerativa che lo ha reso completamente paralizzato sia negli arti che nelle corde vocali. Nonostante ciò, condusse importantissimi studi utili per la scienza. Cosa più importante ci lasciò l’esempio che in qualunque circostanza avversa, l’uomo ha in sé la capacità e il potere di decidere cosa fare della sua vita. Invece, noi cristiani, l’atteggiamento di chi dobbiamo imitare?

Ogni essere umano ha in sé le capacità di apprendere, di sviluppare i suoi doni e raggiungere le sue mete. La capacità di apprendere da Dio non appartiene a una categoria di eletti o di super dotati in senso intellettivo e spirituale. I bisogni di un essere umano sono quelli di tutti gli altri esseri umani. Ciò che può fare uno può riuscirci un altro. Tutti siamo in grado di sviluppare il nostro potenziale. Basta saperlo fare. Basta cercare nel posto giusto (Filippesi 4:13).

Tags: , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA