I tdG? Pronti a smaterializzarsi nell’universo digitale

Presto anche loro saranno fagocitati in una realtà virtuale avanzata, dove non si raduneranno più nelle Sale del Regno, ma vivranno vite parallele, condividendo emozioni, esperienze, adunanze, congressi, assemblee, visite del sorvegliante e ascolteranno discorsi in streaming direttamente da Warwick. Il corpo direttivo sarà il centro del loro mondo.

Ben presto l’umanità vivrà in una super realtà, una sovra-dimensione universale quantistica. Il nostro destino (Armaghedon permettendo) ci vedrà smaterializzati e proiettati in una prossima meraviglia tecnologica: una Rete più potente miliardi di volte di quella attuale.

Attraverso sofisticati sistemi sensoriali e tattili potremo immergerci in una realtà fantascientifica, una sorta di Matrix. Potremo viaggiare nei posti più remoti del cosmo rimanendo seduti nella poltrona di casa. Una dimensione multimediale dove potremo comunicare con chiunque, anche con quelli nascosti negli angoli più sconosciuti del nostro pianeta.

Si darà inizio a una nuova forma di comunicazione per lo scambio veloce di informazioni. Già oggi, l’organizzazione dei tdG sta sperimentando, come tante altre religioni, nuove forme di adorazione on line. D’altronde, la comunicazione cos’è, se non lo scambio di pensieri tra Dio e gli uomini e tra gli uomini e i suoi simili. Che poi, la comunicazione sia verbale o scritta, radiofonica o televisiva, cartacea o digitale, tutto questo non è un problema per Dio, né per gli uomini. Essa fa parte del processo evolutivo dell’uomo. Che si passi dalla croce agli idoli, dai vecchi rotoli ai libri, dalla parola al pensiero, dal reale al virtuale, per arrivare alla meccanica quantistica, si tratta pur sempre di forme diverse per comunicare tra esseri viventi. Forse un giorno scopriremo come comunicano Dio e gli angeli.

E gli «inattivi», le «pecore smarrite»? Digiteremo i loro nomi su Google e troveremo una quantità di informazioni su di loro, persino le loro malefatte. Non sarà più il pastore tradizionale di cui parlò Gesù, a cercare le sue pecore, ma lo farà il «cercatore pastorale», una nuova figura creata dal CD appositamente per questo ruolo. State sorridendo per quanto scritto? Vi meravigliate che non potrà mai succedere una cosa del genere?

Se state leggendo questo articolo, probabilmente avete una certa abitudine con Internet. Non ci sono già gruppi di Testimoni su Facebook, Instagram, Twitter, Whatsapp e Skype? E che dire di Broadcasting e di JW.org? L’uso del tablet (sconosciuto qualche anno fa) non sta sostituendo il cartaceo della Bibbia e delle pubblicazioni? Non si versano contribuzioni tramite carte di credito? E cosa dire delle grandi rotative stampa, orgoglio dei tdG e oggetto quasi di venerazione, quando si visitavano le case Betel? Vi ricordate il MEPS, chiamato in origine Sistema Multilingue per la Fotocomposizione Elettronica? Quanta meraviglia suscitò allora tale ideazione. Il suo software è stato ampliato, reso più potente, in grado di scrivere il testo in centinaia di lingue, di comporlo insieme alle immagini e di impaginarlo per la stampa. Inoltre, in predicazione non si incoraggiano i proclamatori a far vedere alle persone con i dispositivi mobili i vari video preparati on demand, in streaming e audio da Broadcasting?

Paradossalmente circolano tra fratelli, più informazioni tramite Whatsapp che in congregazione quando ci si incontra per le adunanze. Persino i giovani che desiderano formare una famiglia si conoscono più su Whatsapp o su Messenger, che in congregazione o in servizio. Per non parlare poi dei vari siti, forum e blog dei fratelli, dove veicolano non solo notizie e informazioni, spesso di carattere privato, ma si conoscono più cose in questi incontri tra comunità virtuali che alle adunanze.

Chi avrebbe immaginato solo qualche anno fa, che il logo JW.org avrebbe sostituito la torretta con la Bibbia aperta nelle facciate delle Sale del Regno. Oggi, non è la Bibbia il simbolo ufficiale di ogni attività dei tdG, ma il logo del sito JW.org. La fonte della conoscenza biblica da trasmettere al mondo, la Buona Notizia del Regno di Dio, ora deve provenire direttamente dal CD, gli unici scritturalmente identificati nello Schiavo Fedele e Discreto, di cui profetizzò Gesù. E come farlo, se non per mezzo di uno strumento digitale? Non si tengono durante l’adunanza o durante le assemblee, parti dove sono inclusi video preparati apposta per l’insegnamento?

Non notate la tendenza del CD a indirizzare ogni attività a JW.org? Cos’è oggi JW.org se non il centro ufficiale dei tdG da cui si irradia ogni news, ogni tipo di insegnamento e direttive? Non notate la tendenza a unificare ogni cosa a livello mondiale con Walkill? E questo come viene fatto se non on line? La meccanica quantistica sarà la nuova lingua anche dei tdG? Non credete che ci sia una pianificazione a unificare tutto servendosi del digitale? Noi di inattivopuntoinfo, pensiamo che alla base di tutto non ci siano soltanto motivi economici e di tagli alle spese non più utili.

«Conoscerete la quantistica, assaggerete i suoi frutti ed essa vi renderà liberi di vivere nel Paradiso quantistico, e voi sarete simili a Dio, quello virtuale».

Non spediamo più lettere e rapporti per posta, né inviamo denaro tramite le banche come un tempo. Siamo diventati Testimoni digitali e lo saremo ancora di più. Tra non molto ci sbarazzeremo del nostro corpo carnale e ci smaterializzeremo per vivere in una realtà tridimensionale paradisiaca e quantistica. La teoria dei quanti sarà il Regno di Dio sulla terra, il Paradiso tanto atteso dall’umanità, se non interverrà prima il Padre Eterno a rimettere le cose al suo posto.

Che cos’è la meccanica quantistica

(vedi articolo in Focus Scienza)

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Commenti (1)

  • Peggy

    |

    Buongiorno a tutti voi,
    grazie per l’argomentazione articolata su quelli che potrebbero essere i possibili e non tanto futuri scenari dell’informatica quantistica.
    Se mi consentite, vorrei segnalarVi anche l’interessante spiegazione che Manuel Marangoni fa nel suo blog che ho scoperto proprio ieri: http://www.manuelmarangoni.it/onemind/
    Un sincero saluto ed una buona giornata.
    Peggy

    Reply

Lascia un commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA