«Inattivi» con il senso di colpa

I sensi di colpa rubano la pace interiore e minano il benessere emotivo e spirituale

“Il senso di colpa – riferisce un inattivo – è come un nodo alla gola, ti stringe, ti soffoca e ti fa sentire indegno per qualcosa che hai fatto o detto”. E’ come se al posto della cravatta, avessi un cappio con un grosso nodo. Pur riferendosi al passato, la colpa incide negativamente sul futuro. Non potendo modificare il passato, il senso di colpa brucia ogni energia interiore nel tentativo di cambiare in positivo il futuro. La colpa è figlia del peccato, entrambi sono termini molto comuni nel linguaggio religioso e sono riferiti alla trasgressione di un comando divino.

Chi è in colpa si sente in debito nei confronti dell’offeso. Purtroppo, ci si può sentire colpevoli, senza esserlo veramente. Oppure si può lasciare che il rimorso che si prova per un errore o un torto fatto, degeneri in sentimenti di vergogna che portano a infliggersi punizioni inutili. Pur creando disagi in quanto sgradito, il senso di colpa è parte di ogni persona sensibile e responsabile. E’ uno degli strumenti della coscienza e in ogni caso ci sono situazioni in cui il senso di colpa potrebbe essere utile. Solo gli insensati si prendono gioco delle colpe commesse. (Proverbi 14:9)

Sentirsi in colpa indica che siamo consapevoli dell’esistenza di norme morali e che la nostra coscienza funziona. Il problema è quando non si prova alcun senso di colpa, come nel caso di una coscienza contaminata e insensibile. Confessare la colpa è utile sia al colpevole che alla vittima. Cercare di far sentire gli altri in colpa se non fanno sempre le cose nel modo in cui noi pensiamo si debbano fare non è amorevole, e alla lunga risulta controproducente. I migliori risultati si ottengono dando il buon esempio, lodando gli altri sinceramente ed esprimendo fiducia in loro, anche se a volte possono essere necessari riprensione e consigli.

Per alcuni tdG più lunga è l’inattività e più ci si trova invischiati in attività discutibili. “Più il tempo passava – racconta una sorella inattiva – e più mi convincevo che Geova non avrebbe mai potuto perdonarmi. In fondo, prima di imboccare la strada sbagliata, conoscevo la verità”. Anche se il senso di colpa ha fatto sprofondare nella tristezza alcuni cristiani inattivi che trovano duro portare questo fardello, non esiste colpa, anche grave, che Geova non possa perdonare.

Dio non abbandona i suoi servitori pentiti che si sono allontanati, prende l’iniziativa per avvicinarsi a loro; non vuole che si continui a soffrire a causa di una coscienza sporca. Se decidi di tornare a Geova, scegliti un rappresentante nominato fidato, avvicinabile e soccorrevole e parlane con lui. La sorella menzionata nel paragrafo è rimasta inattiva per 40 anni e alla fine è riuscita a tornare a Geova, nonostante avesse commesso numerosi peccati.

Non scegliere di vivere un senso di colpa. Non autoinfliggerti punizioni inutili. Alcuni sono incapaci di perdonarsi e quindi si adattano alla nuova circostanza per alleviare il dolore. Alcuni scelgono la colpa per guadagnarsi l’approvazione degli altri o per farsi compatire ed ottenere quell’attenzione che bramano. Altri pensano che comportandosi in questo modo si deresponsabilizzano dei propri comportamenti, attribuendone la colpa agli altri.

E’ più difficile cambiare in meglio che proseguire in peggio. Per questo motivo, alcuni non vogliono cambiare perché costa fatica. Sembra che alcuni inattivi (non solo loro) abbiano una certa vocazione nel soffrire per delle colpe commesse ma anche per quello che potrebbero fare e non fanno. Sembrano paralizzati più che inattivi. La colpa non è mai una soluzione perché rinchiude nella gabbia dell’immobilità. Non ha senso la colpa se ci giri attorno. Il vero senso è scritto nella Bibbia. E’ lì la soluzione. E allora che senso ha preoccuparti…

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA