La misericordia di Dio e la libertà dell’uomo di sceglierla

pietro e giuda

Due episodi narrati nella Bibbia ampliano il concetto di “ritorno” a Dio: quello di Pietro in chiave positiva e quello di Giuda dai risvolti negativi.

L’episodio di Pietro riguarda il rinnegamento di Gesù ed è raccontato in Mt 26:69-75. Nessuno, soprattutto Pietro, poteva immaginare che gli capitasse qualcosa del genere. Con ogni probabilità non era preparato a una situazione come quella. Fu colto alla sprovvista. Le pressioni in quella circostanza dove la verità è stata distorta e Gesù fatto passare per un criminale, fecero perdere a Pietro l’equilibrio, falsando il suo senso di lealtà. Preso dal timore rinnegò tre volte Gesù.

Il secondo episodio che coinvolge Giuda è raccontato in Matt. 26:46-50; 27:3-5  e in  Atti 1:16-19. In cuor suo, Pietro si rese conto della grave colpa e si pentì piangendo amaramente. Dal suo cuore contrito sgorgarono lacrime amare per il dolore ma anche lacrime dolci che gli restituirono la genuinità e la lealtà di prima.

Giuda scelse la corda per il suo collo. Non confessò a Dio il suo peccato ma andò per restituire il denaro dai capi religiosi che avevano cospirato con lui. Forse pensava che lo avrebbero perdonato  o attenuato la gravità del suo crimine. Fu proprio per il  rimorso (non è pentimento) che fu sopraffatto dal senso di colpa e dalla disperazione. Rifiutò deliberatamente con le sue azioni il perdono di Dio, di conseguenza il suo peccato divenne imperdonabile. Sono i motivi del cuore che spingono al pentimento e solo Dio è in grado di conoscerli.

Paradossalmente fu lo stesso Pietro a prendere la parola tra i suoi fratelli, a raccontare le conseguenze della tragica morte di Giuda e a proporre la soluzione per sostituirlo come apostolo. A differenza di Pietro, Giuda non volle ricordare gli atti di misericordia narrati nelle Scritture ebraiche che incoraggiano il peccatore al ritorno e al pentimento.

La misericordia di Geova è posta sempre davanti alla libertà dell’uomo di sceglierla e pur precedendola non la ridimensiona né la annulla. Dio non vuole che il destinatario della sua misericordia ne approfitti con lo spirito sbagliato. Geova concede la sua misericordia quando l’uomo è consapevole della sua colpa e si rende disponibile a farsi abbracciare come il Padre del figlio prodigo. La sua misericordia va oltre la giustizia e nonostante ciò non la impone, perché Dio non priva l’uomo della libertà di scegliere o rifiutare la sua offerta misericordiosa.

lutero-casella-testo

Caro fratello inattivo sincero, nonostante la gravità dei peccati, Geova ha concesso la sua offerta di misericordia a Pietro che l’accettò e a Giuda che la rifiutò. Tanto più lo farà con te che certamente non commetteresti mai simili peccati. La misericordia di Dio non dipende dalla gravità del peccato ma dalla disponibilità di accettarla.

Se l’accetti, Geova ti abbraccerà con calore e affetto come soltanto un padre amorevole sa fare. Non ti costringerà mai a ritornare da lui, perché rispetta la libertà di scelta che lui ti ha dato. Però nessun uomo o angelo potrà mai cancellare dal suo cuore il desiderio di poterti abbracciare. E’ sempre in attesa di un tuo ritorno, libero e volontario.

______

Ti potrebbero interessare:

gesguarisceabethesda  Chi si è allontanato ha bisogno di misericordia e non giustizia

curtaztitoloritorno  Il ritorno al Padre: misericordia o giustizia?

gesabbracciaagnello   Il cuore di Geova è in festa per ogni figlio che ritorna

Tags: , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA