L’amore non cerca il proprio interesse, ma quello di Dio, perché Geova è un mondo d’amore

Lo spirito cristiano è l’opposto di uno spirito egoista

Dopo la caduta originale dell’uomo, la mente umana perse la sua originaria grandezza e vastità. Dapprima governata dal principio nobile dell’amore divino, la mente doveva protendere l’amore verso i suoi simili. Non doveva rimanere confinato entro i limiti della creazione, bensì guardare oltre, fino a raggiungere il Creatore e fare con lui un tutt’uno. Dopo il peccato, questo nobile principio andò perso e la sua grandezza si disperse fino a ridursi un puntino, chiuso in se stesso, escludendo gli altri. Dio venne dimenticato, il prossimo anche e così l’uomo si ritirò nell’immenso oceano di se stesso e del suo egoismo.

Dio, nella sua misericordiosa generosità, redense l’uomo dal peccato tramite il sacrificio di suo Figlio, portandolo fuori dai confini dell’egoismo, inculcandogli di nuovo i principi del suo amore. L’uomo privo di felicità non può rendere felice un altro uomo. Il nostro è un amore reso disordinato dal peccato. Non potendo più esserci un principio per regolarlo, Gesù stabilì il principio del suo amore. (Giovanni 15:12,13)

L’amore “non cerca il proprio interesse”, non si appropria dell’interesse altrui cercando il “proprio” interesse. (1 Corinti 13:5) “Tutti cercano i propri interessi, ma non quelli di Cristo”, disse Paolo ai filippesi. (Flp 2:21) Per “i propri interessi” Paolo intende un bene limitato a se stessi o di un bene che l’uomo dispone e che non vuole condividere. Il bene spirituale per gli interessi degli altri e quelli di Cristo sono strettamente collegati fra loro. Non si può cercare l’interesse di Cristo senza cercare quello dei fratelli. Quindi, lo spirito cristiano dispone i fratelli a mostrare considerazione dei fardelli e degli interessi altrui.

Un pastore cristiano egoista non è in grado di scorgere le difficoltà né di capirne la portata. Il vero cristiano è aperto di mente e questo lo favorisce nella comprensione dei bisogni della congregazione. L’egoista è ristretto di mente. Un vero pastore cristiano difenderà, con le unghie e con i denti ogni pecora di Cristo dai lupi feroci, non lascerà sbranare altre pecore del gregge. Lui uccide i lupi famelici con le sue mani per amore delle pecore e a costo della sua vita.

L’amore di Dio per gli esseri umani che desiderano servirlo non verrà mai meno (1 Corinti 13:8,13). In futuro, quando lo Spirito di Dio sarà sparso con dovizia su tutto il genere umano, tale effusione sarà evidente dal più grande frutto dello spirito: l’amore di Dio, quello originale. Quello che doveva essere trasmesso da Adamo all’intera umanità, affinché tutti gli uomini e le creature spirituali formassero con Geova un solo spirito. Tutti gli altri doni saranno resi superflui dal dono più grande che irradierà gloriosamente la sua creazione: l’amore.

Dai cieli, il luogo della traboccante sorgente di amore, coprirà in modo soave di fiumi e acque d’amore ogni piccola parte della terra, dissetando deliziosamente la sete di ogni uomo. Nessuno sarà addolorato per essere stato ignorato dalle persone che ama, o perché il suo amore non è stato corrisposto. Ci si amerà con straordinario fervore di cuore fino all’estremo delle proprie capacità. Dio si manifesterà in tutta la sua gloria e tutti saranno pervasi del suo amore e comprenderanno quanto Geova li ami infinitamente più di quanto ognuno di loro ami l’altro. La nostra natura di argilla smetterà di essere un freno per la fiamma celeste che arde nel cuore. Nessun muro di separazione potrà impedire agli uomini di amarsi, non ci saranno distanze, separazioni, confini, differenze. Tutti saranno uniti allo stesso Dio, per essere impiegati nella stessa occupazione: servirlo e glorificarlo. Là regnerà la quiete perfetta. L’amore di Dio sarà così abbondante, da inondare l’umanità con un diluvio d’amore, perché Geova è un infinito mondo d’amore.

L’amore e le offese – quarta e ultima parte

_______________________________________________________________________________________________

Un approfondimento sull’amore di 1 Corinti 13

L’amore e i suoi frutti, di Jonathan Edwards

Tags: , , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA