Mediocrità

I mediocri bramano avere i privilegi.

La differenza tra un cristiano esemplare e uno mediocre di solito non sta tanto nell’intelligenza quanto nell’impegno spirituale (Proverbi 10:4). La modestia (riconoscere i propri limiti) non è mediocrità (scarsamente dotato). I cristiani che sanno dirigere le congregazioni si distinguono per la modestia, per il fatto che preferiscono rimanere nell’ombra e per la sobrietà. Per contro, un ego smisurato crea problemi alla congregazione rendendola mediocre.

La Bibbia dice che “se qualcuno pensa di essere qualcosa quando non è nulla, inganna la propria mente”, e questa non è certo la descrizione di un cristiano approvato da Dio (Galati 6:3).

Molti si considerano persone comuni e pensano di non avere niente di speciale da offrire. In realtà piace stare in compagnia di persone amichevoli, umili, senza pretese, che si interessano sinceramente e calorosamente degli altri. Non occorre essere importanti per avere il favore di Dio, lui si interessa personalmente più della gente comune che dei presuntuosi.

La mediocrità è una scelta personale che induce a fare il minimo indispensabile per gli altri e per se stessi. Al mediocre non piacciono gli sforzi, soffocano il proprio talento e si lasciano sfuggire importanti occasioni di crescita spirituale. Si trovano bene in mezzo alla massa. Una loro caratteristica è l’incompiutezza, lasciano spesso le cose a metà.

Basta poco al mediocre per rivelare la sua natura. Quando un fratello riceve un privilegio, nel mediocre si scatena una gelosia compulsiva che nasce dalla consapevolezza di non avere certe capacità. Il cristianesimo non è una religione per mediocri, perché essa si manifesta con inettitudine, piattezza e grigiore.

I mediocri considerano i creativi come una colpa. Provano invidia per tutto ciò che sta sopra di loro. La mediocrità attecchisce dappertutto, anche nell’organizzazione di Geova. Il tdG mediocre non accetterebbe mai un confronto con chi ha capacità. Alla luce della verità sarebbe un perdente. Il suo obiettivo nascosto è quello di far cadere un cristiano migliore di lui.

Non è raro che ricorra a oscuri maneggi e a formare alleanze con altri mediocri. Tanti anziani capaci sono tuttora vittime di anziani mediocri. Diversi sono diventati inattivi a causa di oscure manovre. Bisogna avere il coraggio di estirpare questa erbaccia, senza tanti se e senza tanti ma.

______

Sulla mediocrità:

Anziani di talento e anziani mediocri

I cristiani talentuosi si esprimono al meglio con gli anziani di mente aperta .

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Commenti (2)

  • Vincenzo

    |

    Eccezionale questa disamina.Grazie inattivo.info

    Reply

  • Franz

    |

    Certo hai perfettamente ragione, descrivendo la mediocrità come un sentimento pronto a rovinare con ogni mezzo la reputazione altrui, hai fatto centro.

    Reply

Lascia un commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA