Mi rialzerò!

Si tratta di un video molto commovente che ha come protagonista una sorella “inattiva”, che prova un vuoto dentro per gli errori che ha commesso. Si rende conto che le manca la forza per ritornare in congregazione e per questo ciò che più vorrebbe è lo spirito di Geova. Ricordando il suo passato, è consapevole che nessuno l’ha amata di un amore così grande come quello di Geova. Altre persone leali che ci tengono a lei non l’hanno dimenticata. Mentre riflette sulla sua vita, la lettura di alcuni passi della Bibbia ravviva in lei l’urgenza dei tempi. Sa bene che Geova la capisce, che le scruta il cuore e le sue profondità .Trova la forza per pregarlo intensamente. Questa volta è decisa, prende l’auto e va in Sala del Regno, quel giorno c’è l’adunanza…

IL TESTO DELLA CANZONE

Il vuoto che c’è dentro me non va più via. Conosco, Padre mio, gli errori miei…/So di aver bisogno del tuo spirito perché tornare a te è ciò che più vorrei./Io non ho dimenticato le tue verità. Nessuno al mondo mi ama come te,/che mi dicevi sempre: “Se tu inciamperai, ti rialzerai!”/So chi davvero tiene a me: i leali amici che ti amano di cuore, Geova Dio.

La tua parola è la luce che mi guiderà, nei tuoi sentieri io ritornerò./Tutto intorno a me mi ricorda che c’è poco tempo ormai. La fine arriverà!/Questa sera, Geova Dio, chiedo aiuto a te. “Ascoltami, ti prego Padre mio!/Inciampo molte volte, ma grazie a te mi rialzerò!

O Geova, so che capirai./Tu sai che sono polvere e scruti nel mio cuore, nelle mie profondità,/cercando sempre il buono in me!/Geova, voglio ritornare a te e nella casa tua:il mio posto è lì con te./E anche se inciampassi, non ti lascerò. Mi rialzerò! Io mi rialzerò!”

Il video inizia con una foglia ingiallita che si stacca da un gruppo di foglie verdi e compatte. La foglia si adagia lentamente davanti a questa sorella seduta in un prato, che la raccoglie, la guarda e vede nella caduta della foglia ingiallita e fragile, la sua caduta in senso spirituale. In una giornata piovosa si rivede sorridente in una foto con due sorelle, le amiche di un tempo. Prende la Bibbia dallo scaffale e legge dal libro dei Proverbi il versetto 16 del capitolo 24: “Il giusto può cadere anche sette volte, ma si rialzerà”. Sa che Geova l’aiuterà a rialzarsi. Ma questa convinzione viene meno quando due fratelli bussano alla sua porta. Accovacciata per terra, con le spalle appoggiate al muro non li riceve. Un giorno, tornando dal lavoro, è ferma con la sua auto davanti a un passaggio pedonale. Si accorge che ci sono un fratello e una sorella con l’espositore delle riviste. Dalla sua auto segue di nascosto la scena che continua fino alla Sala del Regno. Lì rivede altre sorelle e dopo averle osservate con una certa nostalgia torna a casa. La sera, dopo aver spento la TV, prende la Bibbia che ha a portata di mano sul tavolino, prega intensamente e poi legge alcuni brani.

Un giorno in cui si tengono le adunanze si reca con la sua auto in Sala, ma non ha la forza per entrare. Dopo qualche tempo decide di parlare con due anziani, forse gli stessi che quel giorno hanno bussato a casa sua. Quella notte ha modo di riflettere quando era una proclamatrice felice. Ora è di nuovo dentro la sua auto, davanti alla Sala. Prega Geova per dargli la forza di entrare. Con il cuore in gola, apre lo sportello dell’auto e va a passo spedito in Sala. Le prime due persone che incontra sono le sue vecchie amiche, quelle della foto, che con gioia l’abbracciano. Durante l’adunanza, mentre apre la Bibbia, trova tra le pagine quella foglia ingiallita che l’aveva fatto riflettere sulla sua vita spirituale. Le foglie d’autunno sono veramente una metafora per i fratelli e le sorelle lontane.

Lei era caduta metaforicamente come quella foglia che Geova con delicatezza ha raccolto e conservato con cura. Una foglia dal colore magico che la natura dona soltanto in autunno, la stagione più malinconica, ma anche la più bella dal punto di vista dei colori.

GUARDA IL VIDEO: IO MI RIALZERO’! SUL SITO JW.ORG BROADCASTING

Tags: , , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Commenti (6)

  • Cristiana libera

    |

    Qualche tempo fa ricevetti il video da una cara sorella, essendo inattiva (o diversamente attiva), che dir si voglia, con l’intento di farmi ” ritornare”.
    Il senso di vuoto e di smarrimento, la solidltudine vengono ben evidenziati nel video, si fa molta leva sui sentimenti. Devo ammettere che non è facile vivere senza le amicizie di un tempo, e ricostruirsi una nuova rete sociale alle soglie dei cinquanta è un’impresa, anche per una persona aperta e comunicativa come me. Basterebbe così poco per tornare in Sala, che dista a pochi chilometri da casa mia. Tuttavia è importante non solo ricordarsi dei “bei” vecchi tempi, ma dei motivi percui si diventa inattivi. E non è sempre dovuta ad una condotta errata. Non tutti devono “tornare” a Dio, perchè non l’hanno mai lasciato. Come nel mio caso si sono allontanati da un sistema religioso nel quale non si riconoscono più. Ritornare significherebbe non solo ritrovare i cari amici ma sottomettersi nuovamente a questo sistema. Accettare aspetti che si scontrano la propria coscienza, e non poterne parlare liberamente. Quindi i veri motivi per i quali molti diventano inattivi sono altri, e sono molto seri, e voi di inattivo.info li conoscete bene. Gradirei che ne parlaste di più in futuro.

    Chissà forse un giorno si adotteranno delle riforme e ci si allontanerà dagli insegnamenti o bianco o nero..l’autunno ci insegna che esistono i colori, e sono meravigliosi..

    Reply

    • inattivopuntoinfo

      |

      Cara sorella, lo scopo di questo sito è quello di dare spazio ai fratelli che da tempo non si associano più nelle congregazioni. Le loro esperienze servono a capire meglio quali sono i motivi che li hanno spinti a prendere questa decisione. Più esperienze riceviamo e meglio si chiariscono le cause. Ci farebbe piacere sapere quali sono i motivi che ti hanno spinta a prendere questa decisione. Come abbiamo fatto in passato continueremo ancora a scrivere di questo, non è un caso che nella home page c’è una sezione dedicata alle esperienze. Siamo disponibili a darti lo spazio sufficiente per raccontarci la tua storia e capire ulteriori aspetti che forse non conosciamo. L’invito lo rivolgiamo a tutti i fratelli e le sorelle che desiderano farci conoscere la loro storia di “inattivi”, in modo da evidenziare gli aspetti su cui devono migliorare i fratelli nelle congregazioni. In particolare queste esperienze potrebbero servire ad aiutare i pastori delle comunità a capire meglio lo stato d’animo che stanno vivendo, che rimane, purtroppo, sconosciuto alla stragrande maggioranza dei testimoni di Geova. Anche noi, da sempre, auspichiamo il cambiamento di atteggiamento degli anziani sui proclamatori prima che diventino “inattivi”. Inoltre, auspichiamo che i cambiamenti continuino nello spirito di Cristo anche nei confronti di tutti quelli che “inattivi” loro malgrado lo sono diventati per cause che vanno oltre la loro volontà. Naturalmente pubblicheremo esperienze rispettose verso chi la pensa diversamente e che non abbiano carattere denigratorio e polemico. Attendiamo le vostre esperienze. Grazie!

      Reply

  • Cristiana libera

    |

    Grazie per le vostre parole.
    La mia esperienza è piuttosto lunga da raccontare. In sintesi posso dirvi che una grave situazione (non per mia volontà) mi ha tenuta lontana dalla congregazione fino a farmi diventare “inattiva”. Per quanto riguarda i fratelli (nominati e non) e le sorelle sono sempre rimasta in buoni rapporti, non ho subìto nessun torto e non ho recato alcun dispiacere.
    Tuttavia a volte la vita ti mette davanti una dura prova che pensi di non riuscire ad affrontare, ma devi, e in quei momenti confidi in Dio con le poche forze che ti rimangono per riuscire ad andare avanti.

    In quel periodo ho iniziato a riflettere in modo più profondo sulla mia fede, mi sono interrogata, ho rivalutato alcuni insegnamenti che da anni, da attiva tdG suscitavano in me dubbi e incertezze. La mia coscienza cristiana me lo suggeriva, la lealtà verso Dio me lo imponeva.

    E ho iniziato a fare lunghe ricerche molto approfondite, per esempio, la legge sul sangue: cosa comporta esattamente? “astenersi dal sangue” include davvero le trasfusioni, trattandosi di un tessuto che non va ingerito?
    Visto che il corpo direttivo si definisce non ispirato e non infallibile, potrebbe trattarsi di un’interpretazione scritturale?
    Quindi non essendo i Signori sulla nostra fede, posso decidere se ubbidire o meno. Stabilire quali frazioni del sangue sono accettabili non è andare oltre le scritture?
    Credo che ognuno dovrebbe sentirsi libero di agire secondo la propria coscienza cristiana, tenendo presente che per Dio la vita è sacra, ed è a Lui che dovremmo rendere conto.
    Ho continuato le mia ricerca su temi come “la disassociazione” e altri.
    Un recente studio torre di guardia suggeriva di accertarsi dei fatti sicchè ho approfondito il tema tanto discusso della pedofilia all’interno delle congregazioni.
    Mi sono chiesta: perchè il sito yw.org non ne parla, perchè i fratelli non vengono informati? Forse non tutti, ma credo che molti siano a conoscenza dei fatti, ma non se ne parla, come mai?
    Vedere in faccia la realtà e non continuare ad illudersi che all’interno dell’organizzazione dei tdG sia “tutto” perfetto (paradiso spirituale), aiuta a raffinare la nostra fede e la rende autentica.
    Se un giorno nostro figlio vorrà diventare un tdG, dovrà essere in grado di capire pienamente la responsabilità che ciò comporta, quindi deve essere una scelta “informata” e consapevole.
    Le parole chiave sono: cambiamenti e riforme, ma né io né voi , solo coloro che sono ai vertici. Noi possiamo solo auspicare e sperare per il bene di tutti i cari fratelli e le care sorelle.

    Reply

  • Fespea

    |

    @Cristiana libera, la tua esperienza mi ha colpito, mi piacerebbe contattarti in privato se possibile.
    Un abbraccio, Fespea

    Reply

  • Cristiana libera

    |

    Ciao Fespea
    Certo, se puoi indicarmi il tuo indirizzo e-mail ti posso contattare in privato.

    Reply

Lascia un commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA