“Mi trafigge il cuore con un chiodo di affetto e corona la mia testa con spine d’amore”

murillo figlio prodigoEsteban Murillo, Il ritorno del figlio prodigo

E’ la storia di tutti i ritorni a Dio e con se stessi.

Da duemila anni intenerisce i cuori di pietra e tocca i punti più nascosti dell’anima. E’ la fuga da Dio, la pena di chi si è smarrito, la suprema realizzazione dell’amore di un padre per un figlio ritrovato. E’ la storia di un figlio prodigo smarritosi nel deserto del mondo che ritorna al padre dopo aver inseguito la follia. E’ la storia di un padre che non si rassegnerà mai alla perdita di suo figlio. (Luca 15:11-32)

Egli rimarrà in aspettazione, scrutando l’estremo orizzonte fin dove la strada scompare dietro le colline. E quando riconoscerà da lontano l’ombra di suo figlio, gli correrà incontro. Abbraccerà con mille abbracci quel corpo sudicio ricoperto di stracci. Bacerà con mille baci caldi di perdono quel volto sfigurato e perduto.

E’ la storia di tutti i ritorni a Dio e con se stessi. Ogni volta che leggo la parabola del figlio prodigo, rifletto e piango dentro. Un pianto cui non c’è rimedio. Un fuoco perenne che brucia le lacrime ancor prima che scivolino sulle guance. E mentre mi vedo inattivo così come sono, mi sento trafiggere il cuore in profondità con un grosso chiodo di affetto e mi sento conficcare in testa da mani leggere una corona di spine d’amore.

Tags: , , , ,

Trackback dal tuo sito.

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA