Mugugnatori, strilloni e prefiche

La fabbrica del lamento funebre

Cari fratelli vi scrivo riguardo alla cronaca di una morte annunciata. Da parte dei cronisti di cronaca nera. Soprattutto quella religiosa. A furia di indagare fatti di cronaca nera sono diventati neri anche loro. A guardarli sembrano dei becchini vestiti a festa, con il loro miglior abito nero, di raso lucido. Chi sono?  Sono coloro di cui parla il trafiletto di Avvenire on line che avete pubblicato l’altro giorno e che sono favorevoli nel mettere a tacere i tdG in quanto molestatori. Sono i putiniani, i lacché della chiesa ortodossa, i nostalgici delle purghe sovietiche che ce l’hanno a morte con i tdG. Ma anche gli idioti della Grande Rete internettiana, quelli con il baffetto più famoso e più tragico della Germania, colui che voleva “sterminare questa genia” di tdG. Mugugnatori, strilloni e prefiche: una massa di webeti. Scusa, in che senso?

Nel senso che tutt’e tre sono perfetti per un funerale. E te lo spiego. I mugugnatori brontolano a bassa voce, gli strilloni ad alta voce e le prefiche dietro compenso piangono il morto. Hanno già fatto su Internet, il funerale ancor prima di morire. A chi? Al Governing Body, i sette attempati della futura Warwick. Perché? Perché gli vogliono tirare le cuoia prima del tempo. Sono talmente abituati al noir che fanno di tutto per non diventare rosei. Gufano come tanti uccelli del malaugurio. Biblicamente parlando, sono come i dieci dei dodici esploratori di Canaan, le spie dell’Intellingence di Giosuè, che usò per raccogliere informazioni rilevanti per la sicurezza dei migranti ebrei, quelli che attraversarono il mare a piedi senza bisogno di barconi. Tranne due, si dimostrarono pessimi informatori. Furono così tanto di malaugurio, che la loro iattura costò la vita a milioni di persone e un girotondo di quarant’anni nel deserto. Questi esperti moderni di exit poll, fra tutti i libri della Bibbia leggono solo quello di Numeri. In senso letterale del termine: numeri. Al loro confronto Pitagora sa contare fino a uno.

Se ci pensi bene, chi si lamenta è un debole. Perché? Perché quando uno mugugna o si lamenta non sta dicendo altro a chi lo ascolta, che il suo umore, la sua gioia e il suo modo di vivere, dipendono da chi o da cosa si sta lagnando. E’ come se dicesse: “Ce l’ho con te, perché sei più forte di me e non riesco a cambiarti né a farti fare quello che dico io”. Il lamentatore gufo è un seminatore di sventura. Se lo ascolti, ti riempie la testa di così tanta tristezza che per mandarla via, dovresti rollarti un cannone nella cantina di un narghilè marocchino. Il lamentoso sparge tanto sconforto che se un depresso lo ascolta per sbaglio, valuta immediatamente che tipo di suicidio scegliere: la corda a tripla omologazione, un bottiglione di anisetta verde o una  katana. O mio Signore dacci sollievo! Allontanaci dalle lacrime di mestiere e dai mugugnatori e strilloni che per disgrazia incontriamo, non solo nel web, ma anche nelle congregazioni, dove alcuni considerano gli inattivi una categoria fastidiosa, da mettere a tacere.

Per carità, non sto dicendo di smettere di lamentarvi. In genere dietro una lamentela si nasconde un desiderio non realizzato. E ne avete ben donde di desiderare. Ma siate voi il cambiamento che vorreste vedere. Realizzatevelo voi, non aspettate che lo facciano gli altri. Forse è chiedere troppa grazia a Sant’Antonio? Stimatevi di più di quanto non riusciate a stimarvi. Se non avete fiducia in voi, come possono averla gli altri? Non stringete la sabbia con rabbia, più la stringete e più fuoriesce dalla vostra mano. E poi come fate a contare i granelli? Controllatevi e scaldatevi sette bustine di Bonomelli o di Sogni d’oro. Fate un respiro profondo, e contate fino a un milione – tanto con i numeri ci sapete fare – e vedrete che vi passerà il mugugno, la lamentela, il pianto e la voglia di funerale.

________________________

Approfondimenti:

Come e quando si finisce per trovare da ridire su tutto e tutti

 

 

L’indegnità dei beceroni  

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA