Siate semplici e brevi

Semplicità e brevità sono sorelle che vanno sempre d’accordo

Cari anziani non stordite il fratello lontano con visite pastorali complicate e noiose da far venire il mal di testa.  

L’uomo è nato per complicarsi la vita. Anche certi anziani di congregazione. Più che opportuno è il comando che la Bibbia dà in Efesini 5:15 “Guardate dunque accortamente che il modo in cui camminate non sia da insensati ma da saggi”.

Un modo accorto e saggio con cui camminare è la semplicità, ovvero una vita naturale, sobria, modesta, priva di ogni malizia. Una vita semplice ed equilibrata è una protezione perché permette al cristiano di avere più tempo ed energie per le cose spirituali.

«Lo spirito della nostra epoca disprezza ciò che è semplice. Non crede più che la semplicità possa corrispondere a profondità. Si compiace di ciò che è complicato e lo considera profondo» _______________________________________________________________________________________________________________

(Albert Schweitzer, medico e missionario)

La semplicità più straordinaria mai vissuta fu quella di Gesù Cristo, un predicatore itinerante di una sperduta terra ebraica del I secolo. Un maestro che con le sue parole semplici riusciva a penetrare nei cuori degli umili e dei perduti.

Il suo insegnamento non ha fine e dopo aver attraversato molti secoli e influenzato in modo potente uomini, donne, giovani e vecchi di ogni nazione, di ogni popolo ed etnia, resiste a ogni muro e continua a coinvolgere gente di ogni dove fino ai nostri giorni.

Come Gesù, i bravi insegnanti trasmettono le informazioni con semplicità, chiarezza e accuratezza. Anche l’apostolo Paolo, benché fosse una persona istruita e colta si esprimeva in modo semplice e non con parole altisonanti (1 Corinti 2:1, 2). La verità scritturale è semplice, non è necessario essere degli intellettuali per capirla e spiegarla.

Le due sorelle: brevità e semplicità

Perché quando iniziamo a leggere un articolo, se cominciamo a notare che è lungo e perdipiù complesso smettiamo di leggerlo? In genere, il testo non dovrebbe superare un foglio A4, non più di due.

Dopo aver completato un articolo o un post, si devono eliminare le parole superflue e le ripetizioni, sfrondare per così dire la composizione. Nel mondo del giornalismo, insegnano a consegnare alla redazione il riassunto del riassunto dell’articolo.

Benché debbano essere complete, le informazioni devono pure essere concise. Ci si guadagna in chiarezza esponendo succintamente l’idea. Non si deve escludere lo stile o la varietà. Si trovano avvincenti stili nella Bibbia: lo stile poetico dei Salmi; lo stile drammatico dei profeti; l’arguto e mordace Proverbi; le parabole di Cristo.

Fate attenzione a certi articoli scritti bene quando promuovono un’opinione ostile o in contrasto con la Parola di Dio. Un tale scritto può indurre alcuni a nutrire cattivi pensieri nello stesso modo in cui un eccellente scritto può incoraggiare quelli buoni.

Non è detto, che le belle parole raggiungano sempre il loro obiettivo. Salomone, uno dei più saggi dell’antichità, scrisse uno dei più bei poemi d’amore di tutti i tempi in cui supplicò con bellissime espressioni una ragazza di campagna d’esser sua. Alla fine non ottenne nulla.

  • Spiega le parole di uso non comune
  • Evita i dettagli che confondono
  • Protagonista è chi legge, non chi scrive
  • Sii sintetico, ciò che conta è la concisione
  • Devi dare nel dire

«Quando sentite parlare persone importanti che non riuscite a capire, ricordatevi che è l’ignoranza che suggerisce loro un tono incomprensibile» ___________________________________________________________________________________________________________

                                                                                                                                                       (La Bruyere)

Non è vero che oggi la gente non legge. La gente non legge ciò che non le interessa.

 

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA