STAI AL TUO POSTO E DOPO “SALI QUI”

Non solo ti eviti un sacco di problemi ma salirai anche in alto

Ti sei allontanato dalla congregazione dei testimoni di Geova perché qualcuno è stato scelto in un incarico che pensavi di meritarti?

Poche volte capita nella vita di avere incontri con persone potenti. In casi come questi, la Bibbia incoraggia a non autoglorificarsi di fronte a queste autorità. Anche se fa parte della natura umana evidenziare aspetti positivi della propria persona, è saggio non andare oltre il necessario.

“Sali qui” è il riconoscimento al proprio valore ed è meglio che siano altri a farlo invece che autoincensarsi per ricevere un avanzamento, un riconoscimento, una gratificazione. Infatti, Proverbi 25:6,7 dice: “Non onorare te stesso davanti al re, e non prendere posto tra i grandi, perché è meglio sentirsi dire: “Sali qui”, piuttosto che essere umiliati davanti a un nobile”.

Nel popolo di Geova è indice di umiltà stare al proprio posto. L’onore che ci spetta per meriti acquisiti è meglio che sia il re Cristo a darcelo. Inoltre, occupare o pretendere di occupare un posto che non ci spetta, potrebbe diventare occasione di umiliazione di fronte a chi invece quel posto spetta di diritto.

Ci vengono in mente le parole di Gesù riguardo a quell’ospite che non indossava l’abito matrimoniale, cui il re ordinò di cacciarlo via. (Matteo 22:11-14). Bisogna fare attenzione a qualsiasi tendenza a vantarsi o esaltarsi.

“Quando qualcuno ti invita a una festa di nozze, non prendere il posto migliore. Può darsi che sia stato invitato anche qualcuno più importante di te, e chi ha invitato entrambi venga a dirti: ‘Cedi il tuo posto a quest’uomo’. Allora pieno di vergogna andrai a occupare l’ultimo posto.

Al contrario, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, così che quando verrà chi ti ha invitato ti dica: ‘Amico, vieni più avanti’. E questo ti recherà onore davanti a tutti gli altri ospiti. Infatti chi si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato”. (Luca 14:8-11)

Non divenire superbo, né altero e non aspirare a cose che per te sono troppo grandi da raggiungere. (Salmo 131:1) La grandezza di una persona non si misura dall’incarico ma dallo stare al proprio posto e dal riconoscere i propri limiti. Primeggiare causa solo danno, così come sprecare energie per spingersi oltre le proprie capacità o nascondere le proprie debolezze.

Non ha senso accumulare stress e passare notti insonni per un incarico. Essere come Dio è pericoloso. Satana, Adamo ed Eva docet. Non sei Dio! Perciò non mirare troppo in alto, prefiggiti con umiltà e modestia mete raggiungibili. Sia Geova a riconoscere i tuoi meriti e non gli uomini. Alla fine della fiera non è il posto da occupare che ti fa entrare nel nuovo mondo, ma chi ha l’autorità di dirti “Sali qui”.

___

Tags: , , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA