Posts Taggati ‘aiutare’

L’incarico di chi AIUTA e la stanchezza da compassione

Aldilà di ogni opinione positiva o negativa che si ha dell’incarico di sorvegliante di congregazione, la responsabilità di questi fratelli poggia su un saldo pilastro spirituale, quello dei requisiti che si devono soddisfare per svolgere questo mandato. L’anziano di congregazione è uno strumento cui Dio si serve per alleviare la sofferenza e offrire aiuto a chi è nel bisogno. È l’incarico di CHI AIUTA.

Non bastano solo gli sforzi per adempiere in modo soddisfacente le norme bibliche che regolano le funzioni di sorvegliante, bisogna avere una certa predisposizione a servire in questa delicata mansione. Sin dall’inizio questi fratelli sono incoraggiati a servire come pastori amorevoli, empatici e compassionevoli. Saper ascoltare rimane uno dei punti fondamentali su cui si impernia questo ruolo.

Leggi Tutto Nessun Commento

Le bende di Lazzaro

“Lazzaro, vieni fuori!” E lui venne fuori con tutte le bende addosso.

Lazzaro “venne fuori con i piedi e le mani avvolti ancora in fasce, e il viso avvolto in un panno”. Uscì, quindi, dalla tomba col viso ancora avvolto nel sudario e il corpo arrotolato di bende. Impossibilitato a sciogliersi da solo le bende, Gesù disse ai presenti: “Scioglietelo e lasciatelo andare”. (Giov 11:44)

Lazzaro esce dal sepolcro come una mummia e ha bisogno che qualcuno lo aiuti a liberarsi dalle bende. Gesù comanda ai presenti di aiutare Lazzaro a togliersi le bende di dosso e a lasciarlo andare. Gesù non compie tutto da solo, affida a persone che amavano Lazzaro il completamento del miracolo.

Leggi Tutto Nessun Commento

Testimoni dal comportamento omissivo

Aliud est dicere, aliud est facere (Da detto al fatto v’è un gran tratto)

 L’omissione è il mancato svolgimento di un determinato compito. E’ omissivo chi è inadempiente, inosservante. Il peccato di omissione consiste nel non fare ciò che Dio dice di fare. Nel nostro caso: non solo i tdG non aiutano gli inattivi, ma non fanno nulla per essi se non di criticarli. Eppure, la condotta omissiva è penalmente perseguibile o nel caso religioso moralmente esecrabile. L’omissione può accadere come pura inerzia (non facere) o come compimento di azione diversa da quella richiesta (aliud facere). Come recita il proverbio: Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. In poche parole: i tdG parlano ma non fanno o fanno quello che in realtà non dovrebbero fare.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA