Posts Taggati ‘anziani di congregazione’

La doppia vita degli anziani

La fiducia non si esige, si ottiene in base all’onestà e all’integrità.

Ci si fida delle persone che fanno ciò in cui credono. Si può non essere d’accordo con chi la pensa diversamente, ma ciò non vuol dire che non sia una persona affidabile. Ci sono pastori nelle congregazioni dallo sguardo dolce, dai modi gentili, che ostentano calma e mansuetudine. Apparenza, tutta apparenza. Quando si ha a che fare con loro per questioni serie sembrano altre persone. Alcuni di loro hanno una doppia vita, sono ambigui e poco chiari.

Assomigliano ai farisei cui Gesù mise in guardia: “Perciò fate e osservate tutte le cose che vi dicono, ma non fate secondo le loro opere, poiché dicono ma non fanno” (Matteo 23:3). Sembrano strane al lettore della Bibbia, le parole di Gesù, “fate e osservate le cose che vi dicono, ma non secondo le loro opere”. Se sono falsi perché dobbiamo credere a quello che dicono? I capi religiosi conoscevano a memoria le Scritture Ebraiche, perciò nella misura in cui persino un ipocrita usa le Scritture fedelmente, ascoltate le Scritture che essi pronunciano. La Bibbia va sempre bene anche se chi la usa non è un esempio da imitare. La pericolosità a cui si deve prestare attenzione non sono i versetti che citano ma la loro persona e a ciò che da voi esigano che facciate.

Leggi Tutto Nessun Commento

Sai motivare i fratelli? Fai emergere le loro potenzialità nascoste?

Se vuoi costruire una “nave”, serve poco dar ordini ai fratelli e spiegare ogni dettaglio se prima non fai nascere nel loro cuore l’amore per il mare.

 Le motivazioni sono le lenti attraverso cui osserviamo il mondo. Rappresentano i nostri desideri. Non tutti desiderano le stesse cose. Questa diversità, se non è rispettata, porta ad avere in congregazione un rapporto conflittuale. L’ambiente in cui siamo cresciuti e l’educazione che abbiamo ricevuto hanno impresso nella nostra crescita una sorta di “marchio di fabbrica”, che ci caratterizza per tutta la vita, nonostante i cambiamenti spirituali che abbiamo fatto in tutti questi anni. Si tratta di valori che abbiamo e che ricerchiamo anche in altri per rinsaldare un vincolo che ci lega alla fraternità. Le principali motivazioni comprendono: il desiderio di accrescere le nostre conoscenze; ottenere vantaggi, visibilità e prestigio; il desiderio di aiutare gli altri; la coerenza. Gli anziani se vogliono collaborare a vicenda o se desiderano che la congregazione risponda positivamente alle loro proposte, devono saper toccare le corde motivazionali.

Leggi Tutto 1 Commento

Testimoni di Geova abusati spiritualmente

Il problema degli abusi spirituali da parte degli anziani di congregazione

 Altro che abusi sui minori che vengono contestati ai tdG in Australia. Se esistesse un tribunale umano per giudicare gli abusi spirituali che quotidianamente accadono tra i tdG, le denunce si moltiplicherebbero di giorno in giorno e le aule dei tribunali sarebbero piene zeppe di processi a molti di coloro che esercitano l’autorità nelle congregazioni.

Diamo inizio a una serie di articoli che approfondiranno il tema degli abusi spirituali nelle congregazioni dei tdG. Precisiamo subito che non si tratta di una caccia alle streghe ma di un richiamo scritturale con l’obiettivo di smuovere il CD a prendere posizione in merito, come sta facendo con gli abusi sui minori. L’abuso è sempre un abuso, in tutti i sensi, poiché riguarda una violazione, cioè un uso illecito o arbitrario di chi esercita in maniera indebita i poteri che gli derivano dal suo incarico.

Leggi Tutto Nessun Commento

Guardate Cristo e non gli «spezzacanne»

“Estranei vi sostituiranno e prenderanno il vostro posto di pastori”

Dio ha considerato la nostra salvezza la cosa più importante mai compiuta. Lo dimostra il sacrificio di redenzione da parte di Gesù. Per questo straordinario motivo, il nostro sguardo deve essere rivolto a lui e non alle prove che stiamo affrontando. E’ di grande conforto sapere che ancor prima che avessimo vita, Dio ha provveduto il mezzo per eliminare la sofferenza, le malattie e la morte. Per quanto Cristo sia conosciuto e proclamato nel mondo, richiamando l’attenzione delle masse, come usano fare i potenti, lui: “Non disputerà, né griderà, e nessuno udrà la sua voce nelle ampie vie”. (Mt 12:19) Lui ama il silenzio per potersi appartare intimamente con “gli affaticati e gli oppressi”. (Mt 11:28)  Egli “fascia quelli che hanno il cuore rotto, conforta quelli che fanno lutto, riveste di lode chi ha lo spirito abbattuto, riedifica i luoghi devastati [e i suoi discepoli] avranno allegria a tempo indefinito”. (Is 61:1-4)

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA