Posts Taggati ‘campi di concentramento’

La resistenza dei testimoni di Geova contro il nazismo

Col termine «resistenza» in tempo di guerra si indica di solito la lotta armata contro l’oppressore. Ma durante il periodo nazista, «resistenza» ha assunto il significato di qualsiasi tentativo deliberato di opposizione al regime nazista, per mezzo di atteggiamenti, posizioni e comportamenti.

In questo periodo, la «resistenza spirituale» dei testimoni di Geova incluse il rifiuto di compiere atti di culto o attività culturali. Il solo conservare la volontà di vivere era un atto di resistenza. Nei campi di concentramento lottavano per sopravvivere psicologicamente e fisicamente. Reti clandestine di reciproco soccorso aiutavano a procurare ciò che serviva per sostenersi.

Leggi Tutto Nessun Commento

Ogni uomo è artefice del suo destino

La libertà di scelta e le relative responsabilità che ne conseguono costituiscono – secondo Pico della Mirandola – la dignità dell’essere umano. Un diritto questo, completamente inesistente e calpestato con atrocità nei campi di concentramento nazisti.

Nella sua opera più importante, l’Orazione sulla dignità dell’uomo, il grande umanista descrive la creazione dell’uomo da parte di Dio come l’atto finale con cui il Supremo Architetto dà vita all’universo. Dio crea l’uomo come un essere dotato di grande razionalità, in grado di cogliere la bellezza del creato, ed è l’unico, grazie alla sua dignità, di elevarsi e partecipare alla sostanza divina, cioè diventare un unico spirito con Dio.

Leggi Tutto Nessun Commento

Il filo spinato e la corona di spine

Una “grande corona di spine”, continua a essere conficcata con estrema brutalità sulle teste di milioni di innocenti. Essa non fermerà mai il soffio dello Spirito di Dio né quello dell’uomo.

“La fermata è questa” mi dice l’autista del pullman, indicando una lapide ai bordi della strada con la scritta Todesmasch. Da qui iniziava una delle marce della morte di circa 30.000 prigionieri del campo di concentramento di Sachsenhausen, diretti nel Mar Baltico per essere caricati su navi che poi sarebbero state affondate al largo.

Mi vengono in mente le parole raccontate da Artur Winkler, un Bibelforscher sopravvissuto. “Così il nostro convoglio avanzava lentamente per la sua strada senza fine, fiancheggiati a destra e a sinistra dalle SS armate. L’aria era gelida; nel frattempo pioveva e grandinava”.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA