Posts Taggati ‘cervello’

«Le prigioni interiori»

Le chiamano così perché sono come un cervello incatenato in grado di condizionare tutta la vita. E’ quell’incapacità di imprimere una svolta alla propria vita.

Alcuni che si trovano in una sponda del fiume si tuffano per raggiungere la riva opposta pensando che dall’altra parte si stia meglio, pur non desiderando affatto attraversare il fiume. A volta si vuole cambiare ma senza quella volontà di farlo. Forse perché si è inadeguati per farlo, oppure perché non si è convinti al cento per cento. Il più delle volte si è impossibilitati per farlo e allora questa impossibilità viene mascherata con la velleità di cambiare, che non significa capacità di cambiare.

Leggi Tutto Nessun Commento

CAMBIARE PENSIERO

«Il vostro modo di pensare è in armonia con quello di Dio?» è il titolo di un vecchio schema di un discorso pubblico degli anni ’90. Spiega perché dovremmo pensare come la pensa Dio e indica l’atteggiamento da mostrare verso le persone, i genitori e il lavoro.

L’oratore doveva sottolineare quanto fosse necessario modificare i pensieri a causa delle imperfezioni e dell’ambiente in cui si vive. Il punto chiave del discorso era quello di incoraggiare l’uditorio a fare i cambiamenti necessari a partire dal modo di pensare, permettendo a Geova di educarci per il nostro bene secondo i suoi pensieri.

Leggi Tutto Nessun Commento

Alcuni hanno la memoria cieca

I ricordi sono sempre attendibili? Si possono sviluppare falsi ricordi di eventi che non sono mai accaduti?

La più famosa studiosa in questo campo è la psicologa americana Elizabeth Loftus, che negli ultimi tre decenni ha lavorato anche come esperta legale in molti casi di falsi ricordi su abusi sessuali. Le sue ricerche sulla cecità della memoria, sullo sviluppo di ricordi mai accaduti nella realtà e sulla manipolazione di immagini digitali, hanno suscitato un vespaio di polemiche e un’ondata di denigrazione e di minacce di morte nei suoi confronti.

Leggi Tutto Nessun Commento

I cristiani creativi vedono la realtà in modo diverso dal solito

I creativi tendono ad aprirsi a nuove esperienze, vedono “possibilità da realizzare” che di solito alle persone comuni sfuggono.

Il cervello dei creativi è come una porta che attende un attimo in più prima di chiudersi. Questa frazione di tempo permette al cervello di far entrare più informazioni da sviluppare. Le persone mentalmente aperte hanno anche una migliore consapevolezza visiva: percepiscono meglio i dettagli. La capacità di trovare soluzioni alternative potrebbe essere legata, anche a un modo diverso di vedere le cose. Il pericolo, di una percezione diversa dalla realtà, potrebbe portare alcuni cristiani a sentirsi isolati e incompresi.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA