Posts Taggati ‘congregazione’

Rimanere per cambiare?

Alcuni tdG dopo aver soppesato le cose, decidono che sia più giusto rimanere nella propria congregazione per dare il loro contributo per migliorare alcuni aspetti teocratici, in particolare il problema degli abusi di potere.

Se la pensate così, accertatevi che ciò che intendete fare sia la volontà di Dio e che a muovervi non siano motivazioni sbagliate. Non siate ingenui, i cambiamenti, più delle volte, non siete solo voi a deciderli. Dovete tener conto del pensiero dell’intero corpo di anziani, del sorvegliante di circoscrizione e delle direttive del CD. Il corpo direttivo, qualunque linea disponga da seguire, è convinto di avere una base scritturale oppure interpreta la direttiva in base all’intendimento attuale che ha delle Scritture.

Leggi Tutto Nessun Commento

Mostrate considerazione ai timidi e agli insicuri

Come curare in congregazione la timidezza e il timore

 Nell’articolo In fuga dalla congregazione ci siamo occupati delle preoccupazioni che possono condizionare la fede di alcuni proclamatori fino farli diventare inattivi. Gli anziani hanno la responsabilità di capire questi fratelli e di trovare rimedi efficaci contro queste paure. La maggioranza di questi proclamatori non chiedono aiuto e se lo fanno è per risolvere più i danni che le cause. Si possono superare tali disagi prima che sia troppo tardi?

Leggi Tutto Nessun Commento

La casa del popolo di Geova

In tanti sono convinti che non c’è bisogno di appartenere a una chiesa o a una congregazione per avere una buona relazione con Dio. Cosa dice la Bibbia al riguardo?

Abbiamo ricevuto una trattazione da un fratello, che si firma “Un congregatore cristiano”, che esprime il punto di vista di chi vive attivamente la sua fede dentro la congregazione e della quale ne pubblichiamo una parte.

*************************

Come testimoni di Geova non chiamiamo chiese i luoghi dove ci raduniamo settimanalmente. Il termine greco che a volte viene tradotto “chiesa” si riferisce a un gruppo di fedeli, non all’edificio dove si riuniscono.

Leggi Tutto Nessun Commento

Non è “quanto facciamo” ma “quanto amiamo” a fare la differenza

Senza l’amore la nostra adorazione è vana. Il vero cristianesimo non è solo “fare il proprio dovere”, ma “amare di fare il proprio dovere”.

“Tuttavia, ho questo contro di te, che hai lasciato l’amore che avevi in principio. “‘Perciò ricordati da che cosa sei caduto, e pentiti e compi le opere precedenti. Se no, verrò da te, e rimuoverò il tuo candelabro dal suo luogo, se non ti penti”. – Rivelazione 2:4,5

Gli efesini avevano perso l’amore iniziale per Geova. Forse erano caduti vittima del materialismo, perdendo di vista il proprio dovere cristiano. Quando in congregazione non si adempiono volontariamente le proprie responsabilità, senza gioia e senza amore, tutto ciò che si fa è inutile ed è insopportabile a Dio quanto lo è per noi.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA