Posts Taggati ‘corpo direttivo’

LA DOPPIA VITA

Quando la religione tira fuori i suoi scheletri dall’armadio

Durissimo monito di papa Francesco ai pastori che hanno una doppia vita. Commentando il Vangelo di Marco durante la Messa tenuta ieri a Casa Santa Marta, Francesco ha spiegato che di fronte agli insegnamenti degli scribi, che pure “dicevano la verità”, la gente “pensava a un’altra cosa”, perché quello che dicevano “non arrivava al cuore”: insegnavano “dalla cattedra e non si interessavano alla gente”. Avevano perso la “capacità” di commuoversi proprio perché “non erano vicini né alla gente né a Dio”. E quando si perde tale vicinanza, evidenzia il Papa, il pastore finisce “nell’incoerenza di vita”.

Leggi Tutto Nessun Commento

Sentirsi addosso la puzza dell’odore delle pecore di Cristo

La frase più famosa ed emblematica detta da papa Francesco sui pastori della sua chiesa e ripresa dai media di tutto il mondo è questa: «Voglio pastori con ‘l’odore delle pecore’ e con il sorriso di papà». E’ un monito per tutti i sacerdoti, i cardinali e lo stesso papa: i pastori non solo non devono pretendere di vestirsi con la lana delle pecore, ma devono mostrare passione nel servirle. Una frase che si legge, papale papale. Cioè, come è stata detta, che va soltanto «annusata» e che rimanda alla vera immagine dei pastori che hanno a cuore le pecore.

Leggi Tutto Nessun Commento

Fratelli che si prendono una «pausa»

L’articolo “Egli dà allo stanco potenza”, contenuto nella W di gennaio 2018, applica la scrittura dell’anno anche a quei fratelli che, secondo il CD, si sono presi “una pausa” dalla verità, smettendo di leggere la Bibbia, di frequentare le adunanze e di andare in predicazione. Perlopiù, si tratta di un riferimento agli “inattivi”.

L’articolo si concentra sulla speranza in Geova quando dobbiamo affrontare ogni tipo di avversità. Nel sottotitolo QUANDO VENIAMO DELUSI DAI FRATELLI, è riportata una supposizione difficile da dimenticare: un’offesa fatta da un fratello. Gli esempi riportati nell’articolo e i ragionamenti fatti, vogliono indicare che Geova non impedisce che i suoi servitori subiscano delle prove, ma non li abbandona mai se confidano in lui.

Leggi Tutto 1 Commento

I problemi vanno risolti subito

Le parole vanno trasformate in fatti

 Se il problema persiste e non si intravvede nessuna soluzione, alla lunga stanca, svilisce e si pensa che per risolverlo, l’unico modo è abbandonarlo e con esso anche la congregazione. Non basta parlare e promettere una soluzione alla lontana, i problemi vanno affrontati subito cercando in ogni modo possibile di risolverli. Uno scrittore vive le storie dei suoi personaggi solo scrivendo. Un pittore dipinge ciò che ha in mente di rappresentare. Il testimone di Geova prende coscienza del problema, lo affronta e fa di tutto per risolverlo. Questo modo di agire si chiama oggettivazione, cioè dare una forma concreta ai pensieri e agli stati d’animo. Per esempio: affermare una teoria con un esempio. Oppure, il pittore ha voluto esprimere la sua disperazione in un paesaggio grigio e desolato. Famose e istruttive sono le parabole di Gesù. Oggettivare significa per i tdG mettere in pratica le parole della Bibbia.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA