Posts Taggati ‘coscienza’

La depressione acquisita

Non nasciamo depressi ma acquisiamo la depressione nel corso del tempo a seguito di rapporti deludenti.

Se questa malattia psichica non è innata ma acquisita vuol dire che è curabile. Almeno è quello che sperano gli specialisti. In realtà ciò che si ammala non è la coscienza ma la sede delle emozioni e degli affetti, quello che gli esperti della psiche chiamano il cervello emotivo (Sistema Limbico).

Leggi Tutto Nessun Commento

Quelle voci dentro di noi

Il nostro io interiore non è solo ma in compagnia di tanti altri. Molte voci degli altri entrano nel nostro animo e risuonano dentro il nostro essere e vivono con noi. Gridano, parlano, ridono, ci consigliano, ci criticano, ci avvisano dei pericoli, delle scelte sbagliate.

Sono le parole degli assenti, dei ricordi, di un passato vicino e lontano, voci impresse nelle nostre memorie. Ci accompagnano quando siamo soli, stanchi, deboli, affaticati. Sono presenti in modo invisibile più di altri in modo visibile.

Leggi Tutto Nessun Commento

Educare o Diseducare?

“Non sono sicura se sia giusto allontanarmi dall’organizzazione, c’è qualcosa in me che mi rende perplessa, anzi mi dice che è sbagliato. Una cosa è certa, sono combattuta se andarmene o restare in congregazione”. Si tratta della nostra coscienza, che è dentro di noi e che ci avverte se una cosa è sbagliata o giusta. Saper scegliere e agire nel modo giusto, dipende molto dal tipo di educazione con la quale abbiamo addestrato la nostra coscienza.

La facoltà della coscienza è un dono difettoso della nostra imperfezione. Per questo motivo può essere distorta e non funzionare bene. Inoltre, fattori esterni, quali l’educazione ricevuta o le usanze locali, le credenze e l’ambiente, possono incidere positivamente o negativamente sulle nostre scelte.

Leggi Tutto Nessun Commento

Incolparsi a vicenda per disimpegnarsi

Quali meccanismi mentali determinano l’attivazione o lo spegnimento della coscienza quando c’è in atto un disimpegno morale e spirituale di un membro della congregazione?

Di fronte a un allontanamento volontario o coatto dalla congregazione c’è sempre una reazione opposta. Da una parte, la congregazione adotta una misura disciplinare necessaria ai fini del mantenimento della purezza spirituale e morale e dall’altra, invece, un tale provvedimento viene visto come un ostracismo crudele che lede ogni diritto di libertà sociale e familiare. Di fronte a questa situazione, entrambe le parti cercano in tutti i modi di giustificarsi moralmente, con opinioni nettamente opposte fra loro.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA