Posts Taggati ‘dio’

Quando a naufragare è la Concordia

Alle 21.45 di venerdì 13 gennaio 2012 la nave da crociera Costa Concordia urtò degli scogli davanti all’isola del Giglio. Il fortissimo impatto causò l’apertura di una falla di circa 70 metri sul lato sinistro dello scafo. La nave si arenò su uno scalino di roccia che le evitò di sprofondare a 100 metri sott’acqua. A bordo della Concordia c’erano quella notte 4.229 persone: 32 persero la vita, 157 i feriti. La nave finì sugli scogli a causa della rotta decisa dal comandante Francesco Schettino, che scelse di “navigare secondo il suo istinto marinaresco, più a ridosso dell’isola, confidando nella sua abilità”, hanno scritto i giudici. E che lasciò la nave saltando su una lancia quando, secondo i magistrati, ancora diverse persone si trovavano a bordo. Schettino si trova ora in carcere dopo una condanna a 16 anni di reclusione per il naufragio.

Leggi Tutto Nessun Commento

Dio riesce a leggere persino gli scarabocchi del nostro cuore

Sei così scoraggiato che stai per arrenderti?

 Durante una telefonata, una riunione o mentre sono in attesa, molte persone iniziano a scarabocchiare su un foglio strane forme in apparenza prive di significato. Questi disegni, fatti in maniera inconsapevole e automatica, in genere, sembra che rivelino emozioni e aspetti sconosciuti del nostro inconscio. Secondo alcuni studi esistono collegamenti tra questi intrecci bizzarri di linee e segni, spesso fatti alla rinfusa, con alcuni aspetti della personalità.

Di difficile interpretazione sono gli “scarabocchi” del nostro cuore, cioè quei gemiti inespressi, di cui si parla in Romani 8:26. Questi pianti lievi e sommessi sono dovuti al dolore di una particolare situazione che stiamo vivendo e che sembra non avere nessuna via d’uscita. Ci dimeniamo, ci dibattiamo, ci affatichiamo e soffriamo senza vedere la luce del tunnel. Allo stremo delle nostre forze stiamo per cedere. Il nostro cuore è talmente scarabocchiato dalle preoccupazioni che non ci capiamo più nulla e stiamo pensando di lasciare “la verità”. 

Leggi Tutto 1 Commento

Le parole di Dio

Le parole di Dio curano, infondono coraggio e speranza. Le parole dell’uomo feriscono e lacerano l’anima.

 Le parole di Dio sono delle rivelazioni. Aprono uno squarcio nel buio delle menti umane. Le parole di Dio curano gli uomini, gli uomini devono curare le parole. Dio ha creato le parole con un immenso potere terapeutico. Per questo motivo l’anziano dovrebbe averne cura. Il medico presta la massima attenzione quando usa il bisturi con il paziente. Allo stesso modo, quando un pastore cristiano parla di un inattivo con altri fratelli deve usare ogni precauzione, perché può provocare gravi danni. Le parole di un anziano possono modificare il modo di pensare dei fratelli riguardo agli inattivi.

Leggi Tutto Nessun Commento

Non fate come i bambini

L’incertezza è una caratteristica dei bambini, ma è anche una delle strade che portano alla speranza.

Da bambino, Gesù ha giocato tante volte con altri bambini. Ora, da adulto, coglie l’occasione per far capire ai suoi ascoltatori che quella generazione ha le idee confuse riguardo a Giovanni il Battista e al Messia. Dalle parole di Gesù si coglie un particolare. Quando i bambini giocano seduti nei luoghi di mercato, gridano ai loro compagni di gioco: “Vi abbiamo suonato il flauto, ma non avete ballato; abbiamo fatto lamenti, ma non vi siete percossi con dolore”. (Matteo11:16,17) Gesù vuol far capire che i bambini spesso non riescono a mettersi d’accordo sul gioco da fare. In questo modo si lasciano sfuggire del tempo prezioso, ore di divertimento gioioso, che è unico e irripetibile della loro infanzia. Allo stesso modo i suoi ascoltatori perdevano tempo prezioso a discutere su cosa facessero di buono o di brutto sia Giovanni che Gesù. Invece di identificarli e accettarli per quello che rappresentavano, discutevano su argomenti faziosi che non portavano a nulla. Quando il tempo arriva quello è il tempo da cogliere.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA