Posts Taggati ‘farisei’

Pecore pesanti e fratelli fluttuanti

Spulciando tra i vari testi biblici posizionati in bella mostra sugli scaffali della libreria di…, un titolo attira la mia attenzione: PECORE PESANTI E FRATELLI FLUTTUANTI di Mauro Giuseppe Lepori, un monaco cistercense.

L’illustrazione della copertina la conoscevo già. Si tratta di un quadro di Giovanni Segantini dal titolo Ave Maria a trasbordo. La scena è ambientata nel lago di Pusiano, situato tra Como e Lecco. In una placida atmosfera serale, una famiglia di pastori, il padre che rema, la madre abbracciata alla figlioletta, e il loro piccolo gregge di pecore, attraversano sopra una barca il lago da una riva all’altra.

Leggi Tutto Nessun Commento

Asini caricati di pesanti fardelli

«Legano gravi carichi e li mettono sulle spalle degli uomini, ma essi stessi non li vogliono muovere col dito». – Matteo 23:4.

Al tempo di Gesù l’asino era impiegato come bestia da soma (la soma è il carico che si poggia sulla groppa di una bestia da trasporto). La legge di Dio prescriveva di riservare un trattamento umano agli animali domestici, incluso l’asino. L’asino caduto sotto il carico, doveva essere alleggerito, “sciolto il carico” (Esodo 23:5). Inoltre: “Non devi vedere l’asino del tuo fratello o il suo toro cadere sulla strada e deliberatamente ritrarti da essi. Devi senz’altro aiutarlo a rialzarli”. (Deuteronomio 22:4). Le parole riportate in Matteo 23:4, che Gesù applica agli scribi e ai farisei, indicano che il popolo, paragonato a un asino da soma, veniva caricato di pesanti fardelli fino a scomparire, cioè si vedevano più i carichi addosso all’asino che l’asino in sé.

Leggi Tutto Nessun Commento

Gesù affrontò il problema degli abusi spirituali?

Durante tutta la sua storia il popolo di Dio ha vissuto il fenomeno degli abusi spirituali, a volte senza rendersene conto e altre volte senza capire dove fosse lo sbaglio. Gesù, durante il suo ministero, affrontò questo problema in modo diretto.

 Per molti tdG è impensabile che nella propria organizzazione, uomini scritturalmente qualificati possano arrivare al punto di commettere abusi spirituali. L’abuso spirituale stravolge completamente la relazione che un credente ha con il suo Dio, perché oltre alla religione e ai suoi rappresentanti, mette in discussione l’intero modo di adorarlo. Può indurre il credente a non credere più, il fedele a perdere ogni speranza, il servitore a ribellarsi a Dio. La questione è molto seria.

Leggi Tutto Nessun Commento

Senza amore non c’è verità

Gesù ha avuto una discussione con i sadducei e li ha messi a tacere. Si fanno avanti i farisei che gli pongono, con l’atteggiamento sbagliato, una domanda corretta: “Maestro, qual è il più grande comandamento della Legge?”. “Ama Dio con tutto il tuo cuore, l’anima e la mente e il prossimo come te stesso” – risponde Gesù (Matteo 22:34-40).

Mettere Dio al primo posto nella vita non vuol dire che egli è il numero uno nella nostra scala di valori, ma è il centro attorno a cui ruotano tutte le cose, il fondamento su cui ogni cosa trova stabilità. L’amore per il prossimo è la conseguenza immediata dell’amore verso Dio. Senza questo tipo di amore, non può esserci amore per la verità. Si tratta di un amore concreto e non a parole, che fanno della congregazione una fratellanza mondiale autentica.

Leggi Tutto 1 Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA