Posts Taggati ‘ferite’

Pastori feriti

Anche i sorveglianti di circoscrizione e gli anziani di congregazione possono essere oggetto di depressione, ostracismo, pettegolezzi, infamie, errori di giudizio e critiche ingiustificate. Non di rado sono vittime innocenti di pastori-mercenari e di lupi che hanno il manto di pecore. Esposti al male e al giudizio spietato da parte di alcuni loro confratelli, si sentono abbandonati a se stessi e vivono la loro fede in una gravosa solitudine interiore.

 A furia di parlare di pecore ferite ci si dimentica che nell’organizzazione dei tdG esistono anche pastori feriti. Anziani e sorveglianti in serie difficoltà che, spesso, sbagliano anche loro e che si trovano ad essere abbandonati dai loro stessi fratelli.

Leggi Tutto Nessun Commento

Come gestire i sentimenti feriti

Tra i tdG argomenti come dolore, sofferenza, persecuzione, morte e altre problematiche non sono mai stati un tabù. Certo, una cosa è trattarli alle adunanze o leggerli nelle pubblicazioni, un’altra è saperli applicare alle circostanze. Nonostante la mole di conoscenza, quando ci sentiamo feriti facciamo fatica a dimenticare. Perché?

Ognuno, nella vita, sperimenta in prima persona le ferite dell’anima – sia quelle inferte da noi, sia quelle inferte da altri. Alcuni abbandonano la congregazione, altri preferiscono mettersi tutto alle spalle, altri rimangono perplessi.

Leggi Tutto Nessun Commento

Stai pensando di allontanarti da Geova?

Qualcosa ti ha amareggiato, deluso, tramortito?

Ci vuole tempo per guarire le ferite dell’anima. Soltanto quando saranno ben cicatrizzate si potrà ripartire di nuovo. “La vita continua e si va avanti indipendentemente da tutto quello che incontriamo per la nostra strada”. “Ciò che è stato è stato e non si può più cambiare”. Sono frasi che sentiamo ripeterci dai nostri cari o dai nostri amici dopo che siamo stati vittime di gravi ingiustizie da coloro che meno ce l’aspettavamo. Tutti si aspettano una reazione decisa e immediata. Si pensa che tutti i tdG devono essere alti, belli, con gli occhi azzurri, felici, allegri, attivi e produttivi. Un Testimone depresso o abbattuto non è bello da vedere in Sala, anzi scoraggia pure chi gli sta intorno. Qualche caso clinico, invece di prestare conforto, quando si avvicina a un Testimone scoraggiato, lo paragona pure a uno dei dieci esploratori che Mosè mandò nel paese di Canaan.

Leggi Tutto Nessun Commento

Dignità ferite

Gentilezza e mitezza qualità che curano

Il cristianesimo non è una religione fatta di dogmi e dottrine, ma è un modo di essere, di stati d’animo, di sentimenti, di emozioni, di esperienze di vita, che si alternano di età in età, di circostanze in circostanze. La mitezza è un frutto dello Spirito e insieme alla gentilezza sono un requisito dei sorveglianti: “Lo schiavo non ha bisogno di contendere ma di essere gentile verso tutti… istruendo con mitezza quelli che non sono favorevolmente disposti…”. (2 Tim 2:24,25). Gentilezza e mitezza alleggeriscono le difficoltà della vita. Esse sono due qualità che rientrano nelle emozioni sensibili e delicate. In una società di cafoni e maleducati, le persone gentili e miti sembrano cimeli di un passato lontano. Eppure, queste due virtù ci permettono di conoscere le persone, di aiutare chi soffre e di evitare le parole che feriscono.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA