Posts Taggati ‘Geova’

Gli ingrati di Geova / 1^ parte

Che cos’è «la sindrome rancorosa del beneficato» che colpisce diversi testimoni di Geova attivi e inattivi, inclusi anche gli ex tdG?

È la mancanza di riconoscenza elevata al massimo grado. Gesù quando disse che “c’è più felicità nel dare che nel ricevere”, con ogni probabilità mise in conto anche l’ingratitudine, non solo nei suoi confronti, ma anche nei confronti di Geova, del suo popolo e in generale verso chi mostra generosità senza nessun tornaconto. (Atti 20:35)

Chi soffre di questa sindrome non vuole “dipendere” dal suo benefattore. Dopo aver ricevuto, quando aveva bisogno, aiuto e benefici di vario genere, ora si rivolta contro e cerca ogni modo per fargli pagare questo debito morale.

Leggi Tutto 1 Commento

Big Eyes

In un film, che Rai 3 ha mandato in onda ieri sera, la storia di Margaret Keane, una famosa artista degli anni cinquanta e sessanta diventata testimone di Geova e di suo marito che per anni si è spacciato come il vero autore delle opere. Si può vedere il film accedendo al sito di Rai Tre.

Leggi Tutto Nessun Commento

«Il bene che mi hai fatto vorrei ricambiarlo, conta su di me amico mio»

All’improvviso la nostra vita può cambiare drasticamente, portando via con sé la serenità. In momenti come questi il vero amico non ci abbandona mai. Si può contare su di lui.

Bellissimo e commovente sia il testo che il video della canzone Conta su di me, pubblicata su JW.org. Si racconta di un fratello che all’improvviso si ritrova su una sedia a rotelle a causa di un incendio che ha distrutto anche la casa. Una prova terribile che può sconvolgere un’intera vita di fedeltà cristiana.

«Si raccoglie ciò che si semina», dice la Bibbia. E questo fratello di bene ne ha fatto veramente, perché un altro fratello, suo caro amico saputo della disgrazia si trasferisce di proposito nel suo paese, offre la sua amicizia e lo ospita nella sua nuova casa, in cambio del bene che ha ricevuto in passato da lui. «Conta su di me nei momenti belli e brutti e se devo piangere, quando le parole non servono più, resto con te a farlo».

Leggi Tutto Nessun Commento

Ma la «verità» ci emoziona ancora?

Oppure abbiamo permesso che alcune emozioni, invece di farci progredire, abbiano bloccato la nostra crescita spirituale e in certi casi spinto alcuni all’inattività?

 La maggioranza degli studi sostiene che solo dopo i sei mesi di vita i bambini cominciano a provare delle vere emozioni. La prima è la gioia, poi la collera, infine paura e tristezza, mentre le emozioni sociali, come vergogna, imbarazzo, gelosia, invidia, colpa, si manifestano più tardi. Che dire di noi cristiani adulti: dopo che ci siamo nutriti con il latte delle cose elementari, abbiamo ancora bisogno che qualcuno ci insegni da capo le basi delle sacre dichiarazioni di Dio per provare le emozioni della verità? (Ebrei 5:12)

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA