Posts Taggati ‘Gesù’

Quando Dio ci chiede di scendere dalla barca in tempesta

E quasi l’alba e un forte vento contrario agita le acque del mare tanto che gli apostoli remano con fatica. Gesù scende dalla montagna e cammina verso di loro sul mare in burrasca. Gesù sembra passare oltre e, quando lo vedono, i discepoli gridano sconvolti: “E’ un’apparizione!”. Gesù li rassicura dicendo di essere lui e di non aver paura. Pietro riceve il consenso di Gesù per andare da lui. A questo punto Pietro scende dalla barca e va verso Gesù camminando davvero sull’acqua. Ma guardando il turbine, ebbe timore e, avendo cominciato ad affondare, gridò: “Signore, salvami!” Tendendo immediatamente la mano, Gesù lo afferrò, dicendogli: “Uomo di poca fede, perché hai ceduto al dubbio?” (Matteo 14:24-34)

Leggi Tutto Nessun Commento

La vera felicità è meglio del Prozac

ARTICOLO PREPARATO PER I DEPRESSI E GLI INFELICI.

Parlare di felicità, quella con la effe maiuscola, mette di buon umore e non ha effetti collaterali che sconquassano l’impianto prostatico. Spesso ha una funzione anti-depressiva. Fa sempre piacere guardare la vita propria e altrui con speranzoso ottimismo. Non ci riferiamo alla felicità al quadrato che una nota cantante pubblicizza riguardo a una famosa compagnia di navi da crociera. Che di per sé è una bella felicità dei sensi e dei piaceri corporali anche quella. Parliamo di quella felicità che sa trarre il meglio della vita, anche dalle situazioni ingarbugliate.

Leggi Tutto Nessun Commento

ANZIANI ESAURITI

Quali fattori influiscono negativamente sulle attività pastorali, fino a far esaurire un anziano di congregazione?

L’esaurimento pastorale è quella condizione in cui le forze sembrano scomparse, dove anche un altro compito in più manda in crisi per paura di non farcela. In tutta onestà, bisogna ammettere che la vita teocratica degli anziani è stressante. Non è facile adempiere coscienziosamente le troppe responsabilità teocratiche. Molti di questi cari fratelli meritano la nostra stima per l’amore che hanno nella cura pastorale della congregazione. Si “spendono” per Geova e i fratelli. Inoltre, sono i più esposti alla stanchezza, a volte fino allo sfinimento. Che differenza tra loro e gli anziani “nulla facenti”!

Quali situazioni possono mandare in tilt un anziano? Ne elenchiamo alcune:

Leggi Tutto Nessun Commento

EMPATIA, una qualità spesso fraintesa…

… anche in congregazione

 Le relazioni interpersonali tra fratelli e con Dio sono alla base della religione dei testimoni di Geova. “Ama Dio e il tuo prossimo” sono i principali comandi prescritti dalla Bibbia e che ogni tdG dovrebbe seguire con tutto il cuore e la propria mente. Spesso viene fatto a parole più che con i fatti. Dio ci ha creato empatici, cioè capaci di metterci nei panni degli altri. Questa naturale attitudine all’in­contro con l’altro si trasforma molto spesso in un inciampo continuo tra malintesi, blocchi, asimmetrie emotive e disturbi di ogni genere. L’organizzazione dei tdG, dopo la famiglia, dovrebbe essere il luogo ideale per esprimere empatia. A volte, invece, sembra un campo di battaglia, dove c’è la maggiore densità di conflitti, di non detti, di sentimenti taciuti, aspettative disattese, biso­gni mancati. Ed è molto strano per una religione che fa dell’empatia una caratteristica riconoscitiva dell’amore di Cristo, veder prolificare, come tanti batteri, l’invidia, la gelosia, la rabbia, la paura, il disagio, l’amarezza. Emo­zioni che restano silenziose e mai espresse, se non nella solitudine delle proprie case, dopo una giornata di predicazione o di associazione fraterna, tra rumori assordanti di parole ra­ramente ascoltate.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA