Posts Taggati ‘inattivo’

Non abbandonare mai la speranza di essere salvato

Disperso tra la neve dell’Himalaya nel dicembre del 1992, dopo quaranta giorni in attesa dei soccorsi, ormai allo stremo, sopravvivendo senza cibo, bevendo palle di neve, James Scott ventiduenne australiano, studente di medicina, decide di suicidarsi. Mentre sceglieva il modo come farlo si addormentò. Fu la sua fortuna, perché la mattina dopo un elicottero lo avvistò e dopo tre giorni due nepalesi lo raggiunsero e lo salvarono. Per 43 giorni non mangiò nient’altro che neve, due barrette di cioccolato e un bruco. 

James sopravvisse grazie anche a un precedente addestramento medico su come evitare la disidratazione e l’ipotermia e al suo amore per il karatè che aveva irrobustito i suoi muscoli. Determinanti nella ricerca furono la sorella Joanne e le autorità nepalesi che non persero mai la speranza di trovare James.

Leggi Tutto Nessun Commento

«Non affidare mai le pecore al lupo»

«Affidare le pecore al lupo» vuole indicare il pericolo certo, quando si affida un proprio bene a una persona indegna che se ne può approfittare.

Il lupo è noto per la sua fame, per l’impeto con cui assale le greggi e fa strage di pecore: sicché è divenuto il simbolo della prepotenza contro l’innocenza indifesa. Con questo aspetto è raffigurato in favole antiche, come ad esempio, il lupo e il pastore di Esopo, mentre col suo valore simbolico compare anche in similitudini in diverse pagine della Bibbia.

Leggi Tutto Nessun Commento

RAVVIVAMI DI NUOVO

“Anche se mi hai fatto conoscere dolori e sventure, ravvivami di nuovo; tirami fuori dalle profondità della terra”. (Salmo 71:20)

Un fratello, pioniere da molti anni, ebbe dei dubbi su qualche insegnamento biblico. Disponibile ad avere chiarimenti, a un certo punto disse di non ritenere soddisfacenti le risposte che riceveva.

Leggi Tutto Nessun Commento

Perdersi per sentirsi bruciare nell’amore di Dio

Dalle storie che riceviamo, quasi tutte dicono che nella perdizione, molti fratelli e sorelle lontane, hanno sentito bruciare le mani di Scritture. Sono scesi nelle profondità del loro spirito e hanno trovato le fiamme di Iah ardere dentro. Pubblichiamo una di queste storie scritta da un fratello “lontano”, dove esprime i suoi sentimenti sulla sua condizione spirituale e che rispecchia quella di molti altri “inattivi”. Le parole virgolettate sono prese dal Cantico dei Cantici. 

Là dove le «espressioni di tenerezza sono migliori del vino», un vessillo dell’amore tenero di Dio fa sentirci «come un asfodelo della pianura costiera, un giglio dei bassopiani», un amore la cui «sinistra è sotto la mia testa; e la sua destra mi abbraccia» per stringermi delicatamente al suo petto.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA