Posts Taggati ‘oratore’

Nostro Dio liberaci dai comizianti che riempiono la Sala del Regno di parole vuote

Le congregazioni non hanno bisogno di discorsi vuoti e di parole simili a gong che rimbombano o a cembali dal suono assordante. I fratelli hanno bisogno di fatti, di azioni concrete, di semplicità e genuinità. L’ipocrisia, la retorica, il formalismo e l’artificiosità di alcuni oratori propagandisti fa venire il mal di testa.

Date a questi retori del nulla, ai pastori con la canèta de véder, il telo che Gesù si cinse ai fianchi e la bacinella d’acqua per lavare i piedi agli apostoli (Giovanni 13: 4,5). Che vadano a lavare i piedi consumati e piacevoli dei fratelli che portano la buona notizia per mari e monti e che si spendono nel servirsi gli uni gli altri per amore di Geova.

Leggi Tutto Nessun Commento

VIGILA SU TE STESSO

Bada per primo tu anziano a non perderti mentre metti in guardia il gregge sul pericolo della perdizione.

 Non fare come quei sarti che confezionano vestiti per gli altri, mentre tu vai in giro vestito di stracci. Dio non salva un uomo solo per il fatto di essere un buon insegnante e un predicatore capace. Bada di essere libero di parola quando insegni ad altri la Parola di Dio. Non dire di amare il prossimo se per primo tu non lo fai. Essere un falso credente è penoso, ma lo è ancor di più essere un falso pastore. Se non dai l’esempio, stai moltiplicando i tuoi errori. La Bibbia stessa quando la leggi ti condanna. Se esorti senza mettere in pratica, qualsiasi cosa dici è una vergogna per la tua e altrui coscienza. Che vita miserabile è quella in cui un pastore che insegna e predica ciò che per primo lui non fa correttamente nella sua vita. Un uomo del genere è tra i più infelici di questa terra. (Riv 3:17)

Leggi Tutto Nessun Commento

«Il miglior oratore è colui che sa trasformare le orecchie di chi ascolta in occhi»

Proverbio arabo

Insegnamento e predicazione devono essere contraddistinte da una notevole capacità descrittiva. I nominati cristiani devono avere un’abilità particolare nel descrivere eventi e situazioni. Devono essere così capaci da rendere reale e “visibile” le cose che insegnano. Inoltre, devono mostrare grande fervore. Chi ascolta deve riconoscere che chi insegna ci crede per davvero, con tutto il cuore e la sua anima. I discorsi devono essere vita e fuoco, dall’introduzione alla conclusione. Per la loro profondità e incisività non devono far dormire la notte. Chi ascolta deve essere colpito nella sua debolezza. L’energia di certi discorsi è meglio che scuoti l’animo piuttosto che faccia dormire il cervello. Spesso la differenza si nota non in ciò che si dice ma nel modo come lo si dice.

Leggi Tutto 1 Commento

La Commemorazione di Gesù

Commemorare ha relazione con il passato perché ricorda o celebra in forma solenne un importante personaggio, una data significativa, un avvenimento storico. L’Ultima Cena o Commemorazione della morte di Gesù è l’evento più sacro per i Testimoni di Geova. 

 Cari fratelli, sono un inattivo e un tempo frequentavo la Sala del Regno di […] ho assistito alla commemorazione di quest’anno e vi devo dire che […] e non mi sembra che questa sia stata come quelle di tanti anni fa. Una volta c’era più coinvolgimento, più passione, più solennità. […]

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA