Posts Taggati ‘pazienza’

Stare in una sala d’attesa

Sono ovunque. Le trovi nella stazione ferroviaria mentre aspetti il treno; negli aeroporti in attesa di volare; negli studi medici aspettando il tuo turno per la visita; in una azienda per un colloquio di lavoro; negli uffici pubblici per pratiche e documenti legali; eccetera.

Si tratta di uno spazio di attesa e d’incontro interpersonale casuale o programmato, dove l’ambiente ideale crea uno scambio confortevole di opinioni e può rendere piacevole la pausa di attesa. In genere l’attesa è snervante e per questo motivo si cerca di rendere la sala comoda e accogliente. In ambito commerciale, per conquistare i clienti, una buona regola di marketing è quella dell’accoglienza. Se la sala d’attesa è squallida, lo sarà anche l’attesa e molto probabilmente anche il seguito. C’è sempre un’associazione mentale tra chi ci riceverà con la sala dove stiamo aspettando. Ci sono sale d’attesa dall’ambiente così confortevole da indurre chi attende a manifestare un atteggiamento positivo ancor prima dell’incontro.

Leggi Tutto Nessun Commento

Vale la pena soffrire per amore di qualcuno o di qualcosa?

Servono ancora la pazienza e la perseveranza di fronte a certe ingiustizie di alcuni responsabili delle congregazioni?

 Homo Patiens. Soffrire con dignità, è un libro scritto dallo psichiatra austriaco Viktor Frankl, fondatore della ‘logoterapia’, un metodo di cura che si basa sulla teoria che nell’uomo agisce un inconscio spirituale che lo spinge a cercare un senso in tutto quello che gli accade e gli atteggiamenti appropriati da assumere nei confronti della sofferenza. Si tratta di uno spazio ristretto di libero arbitrio che l’uomo sofferente esercita nelle situazioni in cui non c’è nessuna apparente via d’uscita.

Una sofferenza autentica è sempre “per amore di” qualcuno. Chi soffre per Dio non si lascia condizionare dai limiti umani. Riconosce Dio presente nella sua sofferenza, anche se silenzioso, muto ma attivo. In casi estremi, l’uomo trascende, si proietta al di là di se stesso e del contesto in cui soffre, come successe ad alcuni deportati nei campi di concentramento.

Leggi Tutto Nessun Commento

L’amore tappa la bocca alle offese

Qualunque offesa riceviamo, manteniamo una compostezza di spirito, rinunciando ai legittimi diritti piuttosto che agire di impulso finendo per vivere una vita conflittuale.

L’ESEMPIO DI CRISTO

Cristo sopportò, in maniera mansueta, innumerevoli offese. Il disprezzo dei giudei era tale, che decisero di espellere dalla sinagoga, chiunque affermasse che egli era il Cristo (Giov 9:22). Lo odiavano di un odio mortale. Nonostante ciò, Cristo sopportò con mansuetudine senza mai oltraggiare chi lo offendeva. Non manifestò nessuna amarezza, né turbamento, mai la sua serenità fu scossa, in lui non c’era spirito di vendetta. Pregò persino che i suoi nemici fossero perdonati, giustificandoli perché non sapevano quello che facevano.

Leggi Tutto Nessun Commento

Per non diventare “inattivi” sopportate le offese con pazienza e agite con benevolenza

E’ lo spirito a disporre il cristiano a sopportare il male e a ricambiare l’offesa con la benignità.

L’offesa, covata e alimentata per lungo tempo, è una delle cause di defezione dalla congregazione. Se i cristiani si distinguono dall’amore, perché alcuni offendono il proprio fratello? Come deve reagire la parte offesa? In che modo la longanimità e la benignità possono aiutarci a superare questo problema? Pazienza e benevolenza possono riassumersi in due azioni: quando ricevi il male fai il bene.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA