Posts Taggati ‘perseveranza’

L’amore tappa la bocca alle offese

Qualunque offesa riceviamo, manteniamo una compostezza di spirito, rinunciando ai legittimi diritti piuttosto che agire di impulso finendo per vivere una vita conflittuale.

L’ESEMPIO DI CRISTO

Cristo sopportò, in maniera mansueta, innumerevoli offese. Il disprezzo dei giudei era tale, che decisero di espellere dalla sinagoga, chiunque affermasse che egli era il Cristo (Giov 9:22). Lo odiavano di un odio mortale. Nonostante ciò, Cristo sopportò con mansuetudine senza mai oltraggiare chi lo offendeva. Non manifestò nessuna amarezza, né turbamento, mai la sua serenità fu scossa, in lui non c’era spirito di vendetta. Pregò persino che i suoi nemici fossero perdonati, giustificandoli perché non sapevano quello che facevano.

Leggi Tutto Nessun Commento

Sorvegliate il cuore

Esortazioni per sorvegliare il cuore quando la tentazione è al principio.

 Il cuore va salvaguardato più di ogni altra cosa, perché da lì procedono le fonti della vita (Prov 4:23). Il cuore simbolico rappresenta la persona interiore ed è incline al male. Per questo motivo ha bisogno di speciale protezione (“Corazza della giustizia”) (Ef 6:14). Se c’è un organo spirituale che la tentazione martella più di tutti, questi è il cuore.

Leggi Tutto Nessun Commento

I fiori dipinti non crescono

“Poiché se queste cose esistono in voi e traboccano, faranno sì che non siate né inattivi né infruttuosi”.

A cosa si riferisce l’apostolo Pietro quando scrisse le parole riportate sopra? (2 Pt 1:8) Nel vs 10, Pietro incoraggia a “fare tutto il possibile per rendere sicura la chiamata ed elezione”. Per divenire partecipi della “natura divina”, Dio “ha dato gratuitamente tutte le cose che concernono la vita e la santa devozione”. E lo ha fatto “per mezzo dell’accurata conoscenza” riguardo a Gesù. Per questa ragione, i primi cristiani dovevano compiere ogni premuroso sforzo, per non diventare inattivi o infruttuosi, coltivando e facendo crescere qualità come: fede, virtù, conoscenza, padronanza di sé, perseveranza, santa devozione, affetto fraterno e amore. (2 Pt 1:1-11)

Leggi Tutto Nessun Commento

RESISTENZA, RESILIENZA E PERSEVERANZA

La resistenza è la capacità di opporsi con ogni mezzo a forze particolarmente negative. La resilienza è la straordinaria forza interiore che permette di rialzarsi, senza frantumarsi, dopo aver subito pesanti “colpi”. La perseveranza è la costanza nel perseguire i propri scopi e nel tener fede ai propri impegni.

Originariamente il termine resilienza si riferiva allo sforzo strenuo di risalire sulla barca capovolta dal mare agitato, senza annegarvi. E’ resiliente chi fa fronte in modo positivo a eventi traumatici ed è capace di sapersi riorganizzare per raggiungere nuovi traguardi. La resilienza spirituale è la capacità di non soccombere nelle difficoltà, di rialzarsi dopo una rovinosa caduta e di ricostruirsi una vita più forte di prima.

Leggi Tutto Nessun Commento

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA