Posts Taggati ‘reputazione’

Quando non si ha il coraggio di dire le cose come stanno

Nasce la bugia e si consuma l’inganno

 In una circostanza l’apostolo Paolo ebbe il coraggio di riprendere “faccia a faccia” Pietro (Gal 2:11-14). Non si mostrò reticente né incerto, tantomeno lasciò ad altri la responsabilità di farlo. Pietro non considerò il gesto di Paolo un affronto e si lasciò rimproverare perché riconobbe il suo errore senza nessuna giustificazione. Non tutti i cristiani reagiscono in questo modo, sia nell’essere rimproverati che nel rimproverare. In genere, quando siamo travolti nelle nostre convinzioni, individuiamo come responsabili altri o diamo la colpa a fattori esterni. Alcuni avendo perso la fiducia nei fratelli diventano intransigenti. Altri invece di fonte alle mancanze altrui diventano fin troppo indulgenti. Molti problemi tra fratelli sorgono perché alcuni che ne hanno la responsabilità si tirano indietro o tergiversano quando c’è da consigliare o ammonire un fratello che sta sbagliando. Molte di queste cose succedono durante le visite pastorali, nelle adunanze con il corpo degli anziani o durante la visita del sorvegliante.

Leggi Tutto Nessun Commento

«Lo sapevi che il fratello Xxxxx è diventato inattivo? Sapessi cosa dice in giro di lui …»

pettegolezzo

Ogni opinione, buona o cattiva, è sempre un’opinione degli altri. E’ anche un’opinione sull’opinione altrui, veicolata in modo formale o informale.

Se osservate attentamente l’illustrazione in alto, si vede una donna che trasmette una confidenza a una sua amica. Dopo un lungo giro di voci e di pettegolezzi, dove ognuno ci aggiunge qualcosa di suo, alla fine, se guardate attentamente, la voce giunge senza volerlo al diretto interessato che se la prende con la donna a cui le aveva fatto la confidenza, forse sua moglie. Comunque sia, il pettegolezzo fa giri immensi e alla fine ritorna all’interessato in modo spregiativo.

Leggi Tutto 1 Commento

Reputazione e altruismo

crucifixion

Pur di difendere la propria reputazione, alcuni compiono atti insensati, rischiosi e a volte ridicoli. Difendere la propria onorabilità non è un atto sbagliato. Saper parlare bene di se stessi significa essere affidabili agli occhi degli altri.

Solo Gesù ha ceduto la sua vita per persone considerate di pessima reputazione. Molti altri, invece, rovinano e a volte “uccidono” una persona parlandone male e divulgando informazioni che rovinano la sua reputazione. Gesù è il massimo esempio di altruismo e le religioni per apparire degne di fiducia poggiano gran parte del loro credo sul fondamento dell’altruismo. I tdG 

Leggi Tutto Nessun Commento

Chi decide per la tua reputazione?

reputation

L’appartenenza ai tdG può valorizzare o distruggere la tua reputazione. Spesso il miglioramento o il peggioramento dell’immagine possono sfuggirti, perché non sei tu a valutare cosa sia importante, ma uomini che controllano e decidono se la tua reputazione sia buona o cattiva.

Se sei un tdG hai valide ragioni per avere una buona reputazione. Essa può valere molto più della ricchezza (Prov 22:1); può farti evitare le conseguenze vergognose di una cattiva reputazione (1 Pt 4:15,16); puoi ricevere privilegi e nomine nella congregazione. Quando in congregazione, un Testimone ha una buona reputazione è molto più facile che collabori con altri testimoni. Per i tdG avere una buona reputazione significa: frequentare le adunanze, predicare attivamente, sottomettersi agli anziani, al CD e applicare i principi cristiani nella vita. Perciò, un tdG ha la considerazione e la stima

Leggi Tutto 3 Commenti

inattivo.info

Inattivo.info è un sito aperto nel 2014 ed è rivolto ai testimoni di Geova non più attivi come un tempo e ai responsabili delle congregazioni.

Built by TANOMA